Ultim'ora

Madre strangolata dal figlio, domani l’esame medico legale. Lo aveva già denunciato

Capodrise / Marcianise – In attesa che compare dinanzi al Giudice per le Indagini Preliminari Francesco Pumitallo di 29 anni di Capodrise che  uccise ieri mediante strangolamento la propria madre Patrizia Vella Lombardi ( conosciuta con il nome di Rosa) originaria di Marcianise di 56 anni, il Pubblico Ministero dott. Giacomo Urbano ha sequestrato la salma della povera vittima e ha ordinato  l’esame autoptico cui presenzieranno gli avvocati di Francesco Plumitallo Raffaele e Gaetano Crisileo. Come perito medico legale e’ stato nominato dal PM il dott. Omero Pinto dell’Azienda Universitaria di Caserta dove si svolgeranno tra domani e dopo domani gli accertamenti sul corpo di Rosa per accertare le cause della morte e per riscontrare se la versione data dal giovane durante l’interrogatorio con il PM sia vera ossia che la morte e’ avvenuta per strangolamento. Il giovane attualmente e’ in un reparto speciale del Carcere di Santa Maria Capua Vetere ed e’ controllato a vista dalla polizia penitenziaria in quanto si teme che- date le sue assai precarie condizioni di salute – potrebbe compiere un gesto di autolesionismo. Francesco, in cura da tempo presso il Centro di Igiene Mentale di Marcianise, e prima da un noto psichiatra di Casagione nell’immediatezza del gesto mortale compiuto ha chiamato la polizia e poi alla presenza del pubblico ministero dott. Giacomo Urbano e dei suoi legali gli avvocati Crisileo ha descritto al Magistrato del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere la propria confessione. Francesco in lacrime pentitosi per il gesto estremo compiuto ai danni della propria madre ha ricostruito la scena dell’omicidio singozziando e dicendo di averla strangolata prendendola per un braccio e che il tutto era avvenuto in un momento di raptus e di confusione mentale in cui non aveva capito piu’ nulla. Praticamente non era in se’ perche’ quella mattina non aveva assunto i farmaci che gli aveva prescritto il medico del DSM. Egli ha aggiunto che da tempo era in cura presso il Centro di Igiene Mentale di Marcianise e contemporaneamente presso un noto psichiatra di Casagiove. Si e’ al momento in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto e di una eventuale ordinanza di custodia cautelare in carcere. Intanto e’ stata sequestrata salma della povera vittima e dopo l’espletamento dell’autopsia verra’ fissata la data dei funerali.

Guarda anche

Alvignano / Ailano – Furti, carabinieri inseguono coppia di ladri: refurtiva abbandonata e fuga nei boschi

Alvignano / Ailano – Tutto prende corpo ieri pomeriggio, intorno alle ore 15, lungo la …