Ultim'ora

SCUOLA – Il Tar accoglie il ricorso di De Luca: bloccato il dimensionamento deciso dal Governo Meloni. Figuraccia per i parlamentari del Centro Destra

Sono diversi i comuni della provincia di Caserta interessati dalla questione sollevata dal governatore Vincenzo De Luca, l’unico ad opporsi alla scellerata decisione del governo nazionale guidato dalla presidentessa Giorgia Meloni. La decisione del Tar di sospendere il decreto mette a magra figura tutti quei parlamentari campani di Centro Destra che sostengono l’azione di Meloni; un’azione che troppo spesso danneggia la Campania e il Meridione in generale.
Tanti i comuni casertani interessati dal provvedimento e che ora sperano, Alife, Alvignano, Bellona, Calvi Risorta, Cancello ed Arnone, Capodrise, Capriati al Volturno, Carinaro, Carinola, Casapesenna, Casaluce, Casapulla, Cellole, Cervino, Cesa, Curti, Formicola, Francolise, Gioia Sannitica, Mignano Montelungo, Piedimonte Matese, Pietramelara, Portico di Caserta, Ailano, Recale, San Cipriano, San Marco Evangelista, San Prisco, Sparanise, Villa di Briano e Vitulazio. Il provvedimento riguarda anche alcuni istituti di comuni più grandi come Caserta, Aversa, Maddaloni, Castel Volturno e Santa Maria Capua Vetere.
Con ordinanza numero 5884/2023, il TAR Campania (Napoli, sez.IV), ha accolto la richiesta cautelare e di rimessione alla Corte Costituzionale presentata dalla Regione contro il decreto del Ministro dell’Istruzione e del merito e del MEF con il quale il numero delle autonomie scolastiche era stato ridotto da 965 a 839.  “L’accoglimento del nostro ricorso – dichiara il Presidente Vincenzo De Luca – ferma la scellerata decisione del Governo di tagliare scuole, risorse e personale scolastico in Campania. Avevamo rilevato nei mesi passati l’assurdità del ridimensionamento delle attività scolastiche, soprattutto nel momento in cui diventa ancora più necessaria un’attività educativa e di cura dei ragazzi, soprattutto nei quartieri più a rischio. Il Tar ha deciso la sospensione del provvedimento del Governo ed è una decisione importante, che ci incoraggia a proseguire la nostra battaglia fino alla sua conclusione positiva”.

 

Guarda anche

MONDRAGONE – Si nascondeva nella soffitta della madre, arrestato latitante

Mondragone – Casa di mamma è sempre il rifugio più sicuro dove ogni uomo può …