Ultim'ora

MACERATA CAMPANIA –  COMBUSTIONE E GESTIONE ILLECITE DI RIFIUTI, DENUNCIATO IL RESPONSABILE. SEQUESTRATA ANCHE SEGHERIA

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

MACERATA CAMPANIA – Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Marcianise, durante l’espletamento di un’attività di controllo del territorio finalizzata al contrasto del fenomeno dei “roghi tossici” nell’ambito della problematica di emergenza ambientale della c.d. “Terra dei Fuochi”, in agro del comune di Macerata Campania (CE), hanno scorto un fumo di colore scuro levarsi da un fondo limitrofo alla via Ponteselice. A poca distanza dal cumulo è stata rinvenuta una persona con il quale si è proceduto in contraddittorio ad ispezionare visivamente il cumulo, per quanto possibile, considerando che vi era un forte vento, e che l’aria era irrespirabile, constatando che erano stati dati alle fiamme dei rifiuti presumibilmente prodotti da attività di segheria. Immediatamente si è proceduto a contattare i VV.F. della squadra “Terra dei Fuochi” di Marcianise che sono giunti sul posto ed hanno dato inizio alle operazioni di spegnimento del grosso cumulo in fiamme. Dopo le preliminari operazioni di spegnimento, il cumulo di rifiuti speciali, veniva smosso tramite un escavatore, al fine di rendere le operazioni di spegnimento più incisive, nonché per procedere ad un’ispezione visiva dello stesso, congiuntamente al personale dell’A.R.P.A.C. intervenuto sul posto, constatando che lo stesso del volume di circa 80 mc era costituito da rifiuti lignei, trucioli, frammisto a terreno e a residui di propilene, nonché da alcuni frammenti plastici. Si è proceduto, quindi, sempre congiuntamente all’A.R.P.A.C. di Caserta, a verificare il capannone adiacente il predetto cumulo di rifiuti in fiamme, nel quale è risultata allestita una segheria con due seghe a nastro ed una a nastro centauro. Il titolare dell’impresa artigiana non è stato in grado di fornire alcun atto autorizzativo per quanto attiene le emissioni in atmosfera prodotte da dette macchine per la lavorazione del legno. Sempre all’interno del capannone in argomento, sono stati inoltre rinvenuti numerosi big bags da un metro cubo cadauno contenenti segatura ed altri imballaggi metallici di rifiuti speciali pericolosi, oltre a diversi quintali di legno, in parte vergine ed in parte già depezzato e cumuli di trucioli, trattati con solventi, che erano contenuti in sacchi in propilene. I predetti militari hanno proceduto a sottoporre a sequestro il fondo ove era stoccato il cumulo di rifiuti speciali dato alle fiamme e l’immobile contenente la falegnameria, deferendo il titolare dell’attività artigianale in stato di libertà per le seguenti fattispecie di reato: combustione illecita di rifiuti speciali; gestione illecita di rifiuti speciali; utilizzo di macchine per la lavorazione del legno in assenza dell’autorizzazione nei riguardi delle emissioni in atmosfera.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

ALIFE – Amministrazione in lutto, è morto il padre del vice sindaco

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto ALIFE – E’ deceduto ieri sera, 25 settembre 2020, dopo un lungo periodo di lotta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.