Ultim'ora

PIETRAMELARA / VAIRANO PATENORA / TEANO – Sequestra e prende a martellate la ex, ascoltato l’ultimo testimone

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

PIETRAMELARA / VAIRANO PATENORA / TEANO – Nuova udienza del processo a carico di un giovane di Teano accusato di diversi reati fra cui sequestro di persona, lesioni e spaccio di droga. Oggi è stato ascoltato l’ultimo testimone. Egli ha riferito al giudice che i rapporti fra Amsdem e la vittima erano cordiali e al di là di qualche piccola discussione non c’era mai stato nulla di grave. Si tornerà in aula a marzo quando ci sarà la discussione delle parti con l’eventuale richiesta di pena da parte del pm.

Sul banco degli imputati Mario Amsdem, di Teano. L’uomo fu fermato dai militari del Comando Stazione Carabinieri di Vairano Scalo in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura coercitiva emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Ufficio G.I.P., su richiesta della locale Procura della Repubblica. Secondo l’accusa è ritenuto responsabile di sequestro di persona, tentata estorsione aggravata e lesioni personali aggravate. Il provvedimento  restrittivo  costituisce l’epilogo di una celere indagine, attivata tempestivamente in ossequio ai protocolli investigativi stabilmente seguiti dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. L’indagine era originata dalla denuncia presentata dalla vittima, una giovane donna originaria di Pietramelara, ma domiciliata a Vairano Scalo, la quale, dopo la fine della lunga relazione sentimentale intrattenuta con l’indagato, lo scorso 4 maggio veniva condotta con la forza presso il proprio domicilio dove dal predetto veniva costretta a permanere contro la sua volontà per l’intera notte, venendo privata del proprio telefono cellulare. Durante la notte la persona offesa veniva seviziata e aggredita anche mediante reiterati colpi di martello che le venivano inferti alla testa ed altre parti del corpo, restando così ferita all’interno dell’immobile. L’indagato, al fine di farsi consegnare la somma di denaro di euro 3.000,00, indirizzandole ulteriori minacce di colpirla ulteriormente con il martello e di ucciderla, la induceva a telefonare alla madre per chiedere la consegna di detta somma di denaro. La vittima riusciva a liberarsi dall’appartamento dove era segregata solamente grazie all’aiuto di un passante che ascoltava le grida di aiuto della donna che riusciva a farsi notare sporgendosi da una finestra dell’immobile, approfittando della momentanea assenza del suo aguzzino. Queste le accuse sulle quali dovranno pronunciarsi i giudici

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Vairano Patenora – Coronavirus, contagiato bimbo di un asilo: scattala l’isolamento per l’intera classe

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Vairano Patenora – Un bimbo che frequenta un asilo (una struttura privata del paese) è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.