Ultim'ora

Piedimonte Matese – Giunta, Di Lorenzo revoca l’assessore Santopadre: aperta una profonda ferita. In tre già pronti a fare gruppo autonomo

Piedimonte Matese – Il sindaco Luigi Di Lorenzo, contrariamente a quanto scritto ieri in un suo comunicato stampa, ha revocato le deleghe all’assessore Domenico Santopadre. In queste ore il medico piedimontese, uno fra i maggiori artefici della vittoria elettorale della scorsa primavera della lista guidata da Di Lorenzo, avrebbe già ricevuto la notifica della decisione del sindaco registrata al protocollo 12037 di oggi 19 settembre 2017. Così, dopo appena tre mesi dalla vittoria elettorale, Di Lorenzo, è già riuscito a spaccare il proprio gruppo accantonando – per un assessore esterno, probabilmente Loreta Di Marco –  Santopadre.
La frattura è già profonda tanto che in paese circolano numerose voci della imminente nascita, in consiglio comunale, di un gruppo autonomo guidato proprio da Santopadre nel quale confluirebbero altri due consiglieri di maggioranza. Inoltre, il primo risultato concreto si vivrà alle prossime provinciali quando Giaanluigi Santillo, il Lazzaro della politica del Matese, non avrà il sostegno dell’intero gruppo di maggioranza. Una vicenda, insomma, quella della revoca di Santopadre, che potrebbe avere forti ripercussioni sul governo della città.
Ma, la gente si chiede, perché revocare Santopadre?
Cosa si aspettava da lui il sindaco in meno di tre mesi da assessore?
E cosa avrebbe potuto fare di più Santopadre con un ufficio tecnico ridotto al lumicino?
E, ancora, perché sostituire Santopadre con un avvocato e non con un tecnico?
L’impressione di molti osservatori politici piedimontesi è che Di Lorenzo abbia imboccato la stessa strada percorsa dall’ex sindaco di Alife, Salvatore Cirioli. Farà la stessa fine politica?

Guarda anche

Castello Matese – Incendia la stalla del fratello, bloccato dai carabinieri

Castello Matese – I contorni della vicenda non sono ancora del tutto chiari, di certo …