Ultim'ora

ALIFE – Cimitero, resti ossei nei sacchi dell’immondizia: solo cattiva amministrazione della cosa pubblica. Indagano i carabinieri

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

ALIFE – Quanto scoperto al cimitero di Alife potrebbe essere un classico esempio di cattiva gestione della cosa pubblica. Nient’altro. Nessun giallo, nessun mistero da svelare. “Semplici” riesumazioni di cadaveri, probabilmente per liberare loculi, non autorizzate. Introvabili, almeno per il momento, i registri nei quali dovrebbero essere segnate tutte le operazioni di sepoltura e riesumazione. Appare anche difficile capire chi in questi anni ha effettivamente gestito il cimitero di Alife e quali le responsabilità. Così, in questa assoluta anarchia,  alcune  morti – non si capisce bene se con la compiacenza dei familiari oppure no – sono stati riesumati e “sistemati” in sacchi neri, in locali all’interno del cimitero. Sul caso indagano i carabinieri della compagnia del Matese per tentare di individuare le responsabilità del caso. Non si può del tutto escludere, sottolineano i soliti maligni, che , nella vicenda potrebbe anche innestarsi una lotta intestina alla macchina amministrativa. Infatti l’amministrazione comunale avrebbe avviato già da qualche tempo una azione disciplinare ai danni del dipendente comunale che fino a pochi mesi fa gestiva il camposanto. Speriamo che il caso possa servire, almeno, a suscitare un minimo di interesse da parte dell’amministrazione comunale per ridare il giusto decoro alla casa dei defunti. Una casa che oggi appare nel totale degrado e abbandono.

Guarda anche

PRATELLA – Il comune fitta locali alla Cooperativa Insieme, per un centro immigrati

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Pratella – Un nuovo centro per l’0accoglienza di immigrati nascerà a breve nel comune di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.