Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Spaccio di droga, eroina e hashish nelle bare: la “prima volta” di Mancino

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

VAIRANO PATENORA -Diciassette persone finirono in manette nell’operazione Terra Bruciata. Fu la “prima volta” di Cosimo Mancino che finì in carcere insieme ad altre parsone. Subì, a seguito di quella indagine, una dura condanna. Pochi giorni fa il nuovo arresto, sempre per spaccio di droga. Anche se questa volta le accuse sono più leggere e soprattutto non c’è l’associazione. Mancino ha operato da solo.
Alcuni anni fa i carabinieri accertarono che la banda nascondeva la droga nelle casse da morto e nei carri funebri, per eludere i controlli e portare i carichi dalla Spagna sino a Napoli: da qui gli stupefacenti – eroina, hashish, marijuana ed ecstasy – venivano rivenduti in Molise, in Umbria e in Calabria a costi triplicati.  I militari eseguirono 17 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla Dda di Napoli, dopo che l’inizio dell’inchiesta era stato coordinato dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano, per i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, porto abusivo di armi ed estorsione. Con Mancino, in quella retata, finirono altre persone dell’area del Vairanese.  Per trasportare la droga  l’organizzazione si serviva anche di auto cisterne e bisarche con vetture incidentate o usate.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Pietramelara – Luca e Giammarco selezionati per la Sinfonica Nazionale

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Pietramelara – Luca Morrone e Giammarco Piscitelli selezionati alle Master Class per la costituzione della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.