Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Comunale, Martone al PD: che proposta hai per le prossime elezioni?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Variano Patenora (c.s.) – “Un giorno si e un altro ancora, continuamente sui quotidiani a stampa o in rete, leggiamo notizie e affermazioni circa le possibili liste della prossima scadenza amministrativa e i possibili candidati.  La cosa grave che,purtroppo, continua a sfuggire ai tanti cronisti, è che tutto quanto a cui si fa riferimento avviene in incontri in studi medici o nel soggiorno di abitazioni private, dove gli autocandidati personali a sindaco cercano candidati e promuovono possibili vicesindaci. Lo stesso risultato ufficioso, che ancora non è uscito sulla stampa, secondo il quale le primarie del PD vairanese hanno consegnato oltre il 70% al candidato Orlando, espressione della sinistra interna, non possono non obbligare la domanda, ma quale è la proposta politica e il programma del PD vairanese per la scadenza dell’11 giugno? Quale governo e quali alleanze propone? Chi sono i suoi uomini e donne? Quale è il suo giudizio e analisi?
La verità e la questione di fondo è che Vairano è in una crisi profonda, socialmente e civilmente, verso cui l’uscente amministrazione non ha saputo e voluto far niente, anzi ha contribuito ad alimentarla, anche se per molta inconsapevolezza.
Vairano non è un Comune qualsiasi; tra i 18 comuni casertani che vanno al voto, di cui 4 sciolti per motivi di corruzione e camorra, è il più importante, per la sua centralità in un’area territoriale strategica. Ma è anche un comune che ha tre realtà  storiche e sociali diverse, con grandi potenzialità e risorse materiali,ambientali,umane, professionali e culturali, che bisognava e bisogna unire, rafforzare,potenziare. Diversamente, a parte l’esperienza degli anni 80, tutti hanno lavorato all’incontrario, capeggiando e gestendo condizioni e ruoli puramente personali, basandoli sullo stupido blocco di potere della rendita speculativa fondiaria e urbana. Quadro ancora più esasperato, che ci può portare alla rovina, con lo stupido e falso PUC approvato, ma essenzialmente adottato per alimentare clientele e illusioni, senza spiegare che con la crisi in atto e i tanti appartamenti in vendita, nessun sviluppo vi sarà; faranno pagare solo insopportabili quote IMU e l’Unità Sociale Urbanistica viene sempre più allontanata.
Il rischio di attriti e conflitti sociali è sempre più prossimo. Come gruppo consiliare uscente e rappresentanti della Sinistra Vairanese ci siamo assunti la responsabilità di lanciare un Appello all’Unità e alla Responsabilità delle Forze Democratiche per un transitorio,necessario,Governo Comunale di Salute Pubblica. Abbiamo organizzato il necessario incontro non già presso la nostra abitazione, ma chiedendo e ricevendo la disponibilità dei locali presso il luogo equidistante e istituzionale della Chiesa di Vairano Scalo. Ma i personalismi e le ambizioni personali hanno continuato per la loro strada distruttiva con interessi alle spalle poco chiari e che poi esploderanno. Purtroppo è anche vero che le forze sociali produttive, le donne, i giovani, i professionisti, pur stimolando la nostra iniziativa non si sentono invogliati ad assumere l’iniziativa e la partecipazione diretta. Difronte a questo stato di cose, senza per nulla sminuire il ruolo centrale e democratico dei Comuni, come sancisce la nostra Costituzione, riteniamo che una partecipazione di semplice parte alla competizione elettorale; difronte a una condizione in cui nessuno si sente nemmeno più interessato a seguire i Consigli Comunali; più che aiutare l’affermazione del Comune come pregiudiziale strumento di Democrazia, parteciperemmo al suo ulteriore dissolvimento assumendoci responsabilità che la popolazione confonderebbe. La nostra scelta di fondo, pur dichiarando la nostra disponibilità politica sino all’ultimo giorno di presentazione delle liste,13 maggio, è quella prioritaria di ricomporre la credibilità e il ruolo del Comune, mediante forme sociali nuove di organizzazione che riaffermino la sovranità popolare sull’Istituzione Comune. Si chiarisce e si sottolinea, in ultimo, che la nostra dichiarata disponibilità nulla ha a che vedere con la richiesta di stare in qualche lista, ma quella di un chiaro e fondamentale accordo politico unitario per sollevare Vairano dal confinamento, dalla crisi, dal disastro sociale”. (Il capogruppo Torre-Sinistra Vairanese  Lino Martone Giovanni Martone)

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Caserta – Messa in sicurezza dei Boschi 1° Stralcio, approvato il nuovo progetto esecutivo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Caserta – Con decreto monocratico n. 156, nell’ambito del Piano forestale 2021, la Provincia di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.