Ultim'ora

Marzano Appio – Tragedia sulla Casilina, l’ultima notte insieme di Fabio e Gustavo (le foto)

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Marzano Appio – Una intera comunità piange per la tragica morte di due giovani. I corpi di Fabio Punzo e del suo amico Gustavo De Iorio sono stati trasferiti, ieri mattina, presso l’istituto di medicina legale di Caserta. Lunedì la decisione del giudice e l’incarico tecnico per l’autopsia. Resta l’incertezza sui tempi e quindi sul ritorno delle salme in paese.  Prima del drammatico incidente – avvenuto ieri mattina, venerdì cinque maggio 2017, intorno alle ore sette – i due amici avevano trascorso una lunga notte insieme. Erano usciti la sera precedente e avevano trascorso l’intera nottata lontani da casa. Erano stati notati, qualche ora prima della tragedia, alla stazione di servizio Esso di Caianello. Un incidente che non sembra essere stato causato dalla velocità. Infatti il contachilometri della Ford Fiesta si sarebbe fermato segnando la velocità di 60 km/h. Sull’asfalto non sembrano esserci evidenti segni di frenata oppure di sbandata.  Sembra quasi che il conducente non abbia fatto nulla, non avendo avuto il tempo, per  impedire l’uscita di strada dell’auto. Purtroppo, l’impatto della vettura contro un albero, abbattuto alcuni mesi fa,  è stato terribile e i due amici non hanno avuto scampo.

    

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina / Teano –  Rapinano un anziano, due fidanzati davanti al giudice: ecco l’accusa contro la coppia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Roccamonfina / Teano – Saranno, domani, davanti al giudice per il necessario interrogatorio di garanzia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.