Ultim'ora

TEANO – CALCIO PRIMA CATEGORIA GIRONE B: DERBY COL BRIVIDO PER LA ZUPO

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

TEANO (di Emanuele La Prova) – Ancora una vittoria nel derby per la Zupo Teano, che al Garibaldi davanti ad un pubblico sempre più numeroso, batte i giallorossi del Real S. Felice a Cancello (Capua), con una prestazione quasi perfetta. I rossoverdi hanno legittimato sul campo la propria superiorità dominando in ogni zona del campo. Pochi istanti dopo il fischio d’inizio la Zupo va già vicino al vantaggio : il rasoterra di Bianco però è facile preda per il portiere ospite. E’ solo il preludio al gol : al minuto 8, i teanesi sbloccano la gara con un’azione magistrale. De Biasio scatta sulla fascia destra e crossa in mezzo : dalle retrovie arriva Letterese, che appoggia la sfera di testa all’indietro dove accorre Bianco, che con un destro insidioso brucia il portiere sul primo palo. E’ 1-0. Dopo la prima rete i sidicini continuano a far girare il pallone , grazie anche ad un’altra grandissima prestazione del centrocampista Gennaro Puzone, sempre più regista inamovibile della squadra. E’ proprio Puzone che alla mezz’ora con il suo destro magico lancia Serio davanti al portiere, ma la conclusione del  bomber partenopeo viene ribattuta con i piedi dall’estremo difensore giallorosso. I ragazzi di Vastano continuano ad attaccare , ed al minuto 43 trovano il gol del raddoppio : l’arbitro fischia una punizione da circa 20 metri, sul pallone si presenta Illiano, che riesce a far passare la sfera sotto la barriera, collocandola a fil di palo nell’angolino basso alla destra del portiere. Gli applausi del Garibaldi accompagnano la squadra negli spogliatoi dopo 45 minuti di grande calcio. Nella ripresa Teano vuole chiudere subito i conti, e l’ occasione arriva dopo pochi minuti : ancora su punizione, Illiano lascia partire un bolide dal vertice destro dell’aria che va ad insaccarsi sotto l’incrocio dei pali, un missile terra-aria che lascia senza parole il pubblico  . Dopo il 3-0 la partita sembrava in ghiaccio. Ancora una volta però, gli dei del calcio ci ricordano che le gare vanno giocate fino al novantesimo. Circa al sessantesimo, un terzino giallorosso lascia partire un cross dal fondo : il pallone però prende una traiettoria stranissima e finisce alle spalle di Cortese, che era già in uscita per bloccare il traversone . I rossoverdi però non si scoraggiano, e riprendono a giocare: Bianco lancia Serio a tu per tu con il numero 1 capuano, ma la conclusione dell’attaccante sidicino va a schiantarsi contro la traversa. Quasi allo scadere dei 90 minuti, arriva il secondo gol del Capua : Cortese esce dall’area per calciare il pallone, ma scontrandosi con un suo compagno si rende protagonista di un liscio clamoroso. A porta vuota , per il centroavanti ospite è un gioco da ragazzi segnare la rete del 3-2. Sugli spalti inizia a diffondersi il timore di una rimonta incredibile: la difesa sidicina però tiene alla grande , grazie soprattutto ad un ottima prestazione del roccioso difensore De Giglio. L’ultimo pericolo arriva da un traversone sul quale stavolta Cortese si avventa con grande tempismo facendo suo il pallone. Dopo 4 minuti di recupero , arriva il triplice fischio del direttore di gara che manda tutti sotto la doccia. Teano batte per la seconda volta di fila i rivali giallorossi, e si porta a meno 1 dalla seconda in classifica, con 44 punti. Una vittoria importante che tiene alto il morale della squadra di Vastano, in vista della trasferta della prossima settimana, a Cellole, altra grande rivale della società sidicina. Finalmente la rosa teanese sembra aver trovato la costanza che mancava ad inizio anno, grazie ad un centrocampo di grande qualità, con Puzone Pitocchi ed Illiano, un ottimo attacco, con  Bianco, Serio e De Biasio, ed una difesa granitica, ben organizzata da Cortese che,  a parte gli errori dell’ultimo match, ha dimostrato di essere il prototipo del portiere moderno, dotato di una buona tecnica e soprattutto grande personalità. A questi, si aggiungono quelli che svolgono il cosiddetto lavoro sporco, come Letterese, mai domo sulla fascia, ed il mediano Pepa, infaticabile motorino del centrocampo. Se Vastano riuscirà a tenere salda l’ossatura della squadra fino a fine campionato, parlare di Promozione non sarà più un tabù.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

TOKYO / ISERNIA – IL MOLISE ESISTE E “MENA FORTE”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Tokyo / Isernia (di Alessandro Staffiero) – Si chiama Maria Centracchio la molisana che alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.