1

TORA E PICCILLI / CONCA DELLA CAMPANIA- Scuola trasferita a Conca, la protesta dei genitori

TORA E PICCILLI / CONCA DELLA CAMPANIA – Dopo i controlli del Genio Civile è stato chiuso, poche settimane fa, l’edificio della scuola primaria e dell’infanzia di Piccilli che ospitava nell’insieme circa trenta alunni. Le attività scolastiche sono rimaste sospese per tre o quattro giorni, poi gli scolari di Tora e Piccilli sono stati “traslocati” per le attività scolastiche nell’edificio  di Conca della Campania.
I piccoli alunni ogni giorno affrontano un viaggio in pullmino per recarsi a scuola in un altro Comune. Allora i genitori insoddisfatti di questa soluzione hanno chiesto “udienza” al sindaco Natascia Valentino. L’incontro è avvenuto il trascorso lunedì 20, con il sindaco Valentino, l’assessore alle politiche sociali, Pasqualina Lepore e il tecnico comunale, Massimo Di Stefano. Dopo questo incontro siamo venuti a conoscenza che quanto risulta dalla documentazione  dell’ufficio del Comune di Tora e Piccilli gli ultimi documenti riguardanti il collaudo del plesso scolastico in questione risalirebbero all’anno 1960. Invece i genitori degli alunni sostengono che alcuni lavori al medesimo edificio scolastico sono stati fatti con finanziamenti pubblici anche nel 2004.
Quindi, secondo i genitori, sarebbe impossibile che non vi sia un collaudo più recente del 1960, dato che sono stati fatti dei lavori, sempre allo stesso edificio scolastico, anche nel 1998, conclusisi con delle prove di carico (dei gommoni pieni d’acqua) che evidenziarono la solidità della struttura scolastica. Sia i lavori del 1998 che quelli del 2004 sono stati fatti da due imprese locali, ma secondo l’ufficio tecnico i documenti non sono presenti in archivio. Inoltre, pare che il sindaco Valentino abbia detto ai genitori ricevuti a colloquio che pure lo stabile dell’ex scuola media di Tora, adesso adibito a museo, non sarebbe agibile né a norma in base alle ultime leggi. Nonostante, quindi, il malcontento dei genitori che hanno richiesto l’incontro, i piccoli studenti della scuola primaria e dell’infanzia di Tora e Piccilli dovranno continuare ad andare a scuola nel plesso scolastico di Conca della Campania. L’unica promessa del sindaco Valentino pare sia stata quella di dichiarare il suo impegno, precisando, però, che il Comune non dispone di fondi per la risoluzione del problema. Così per mancanza di documenti di collaudo, le scuole di Tora e Piccilli sarebbero inagibili. Intanto con l’arrivo nella scuola di Conca della Campania di circa trenta piccoli alunni di Tora e Piccilli certamente si va a incrementare una “popolazione” scolastica esigua.