Ultim'ora

PIETRAMELARA – Incidente mortale, ecco perché non è stata inversione di marcia

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

PIETRAMELARA – La foto mostra chiaramente un camion contro il muro della galleria, se l’autista avesse tentato di invertire il senso di marcia, allora la cabina del tir si troverebbe in ben altra direzione. Inoltre non ci sarebbero i segni di frenata dello stesso tir.  Il drammatico incidente avvenuto pochi giorni fa nel Centro Italia potrebbe essere stato generato da un problema all’impianto frenante del rimorchio. La dinamica dello scontro mortale è stata spiegata dall’avvocato Emilio Russo nelle qualità di difensore di Napoletano Quirino nel procedimento a carico dello stesso per omicidio stradale pendente presso la Procura della Repubblica di Terni:
“in merito alle notizie di stampa emerse, comunica che la difesa ha predisposto richiesta di incidente probatorio per effettuare gli accertamenti tecnici sull’impianto frenante del rimorchio dell’automezzo coinvolto nel sinistro mortale ed in generale sulla ricostruzione della dinamica del sinistro.  Ciò perché alla pressione del pedale del freno dell’automezzo da parte del conducente, il rimorchio non ha avuto capacità frenante, facendo perdere aderenza alla motrice e tale da causare una improvvisa sbandata dell’autoarticolato verso sinistra. La corsa dell’autoarticolato terminava contro il muro dell’opposta corsia. Nel mentre l’autoarticolato era già fermo (trasversale) sulla corsia opposta, sopraggiungeva la povera vittima che impattava violentemente il lato destro del rimorchio.  A ciò si aggiunga che sul tratto di strada in questione (superstrada Terni – Orte) all’ingresso della galleria non vi è alcuna  barriera (guard rail o New Jersey) volta a prevenire le invasioni nella corsia opposta e conseguente scontro frontale.  Infatti tale barriera è assente proprio sul tratto di strada all’ingresso della galleria ove è avvenuto il sinistro, come si evince dal rilievo fotografico che si allega. Nell’ipotesi fosse stata presente una barriera divisoria delle corsie opposte è ragionevole ipotizzare che l’automezzo avrebbe fermato la corsa contro di essa, senza invadere la corsia dove dal senso opposto proveniva la vittima del sinistro”.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

SAN MARCO EVANGELISTA – Fabbrica di caffè distrutta, nube di fumo copre la zona

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto SAN MARCO EVANGELISTA –  Un incendio di vaste proporzioni è divampato pochi minuti prima delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.