Ultim'ora

NAPOLI – Questura, falsificava documenti: arrestato Ispettore infedele

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

NAPOLI – Nella odierna mattinata, in esecuzione di ordinanza cautelare applicativa della misura degli arresti domiciliari, Ufficiali di PG del Commissariato della Polizia di Stato – Palazzo di Giustizia hanno tratto in arresto Romano Ciro, Ispettore della Polizia di Stato, attualmente in servizio presso la locale Questura.  All’indagato  sono contestati i reati di falso materiale ed ideologico in atti pubblici e certificazioni amministrative finalizzati all’indebito rilascio del passaporto a favore di una  pluralità  di  soggetti,  nonché  di  accesso  abusivo  al  sistema  informatico  e  di alterazione dei dati informatici presenti nella Banca Dati Interforze denominata SDI. Le indagini -coordinate da questa Procura della Repubblica di Napoli – sezione Reati contro la Pubblica Amministrazione ed effettuate dal Commissariato PS del Palazzo di Giustizia attraverso il meticoloso esame dei fascicoli presenti presso la Questura di Napoli, ufficio passaporti ed ufficio UPGAIP, assunzioni di informazioni, ed analisi tecnica dei supporti informatici in uso all’indagato- hanno consentito di accertare il sistematico ricorso, da parte dell’ispettore in questione, negli anni 2014/2016, ad una attività di falsificazione di atti, tra cui certificati penali e carichi pendenti, finalizzati al rilascio del passaporto a soggetti non legittimati ad ottenerlo per la presenza di cause ostative, quali pene pecuniarie non pagate in relazione a condanne per delitti di contrabbando. Quanto agli abusivi accessi nei sistemi informatici, si tratta di attività che l’ispettore Romano avrebbe posto in essere inducendo in errore gli addetti al servizio mediante l’esibizione di false richieste dell’Ufficio di appartenenza, che apparentemente legittimavano la richiesta di accesso.  Inoltre, nella ricostruzione effettuata da questo Ufficio e condivisa dal GIP che ha emesso la misura, altri accessi abusivi sarebbero stati realizzati dall’indagato mediante l’inserimento nel sistema informatico di elementi non corrispondenti al vero, quali revoche di provvedimenti di libertà vigilata, oppure l’esito positivo  dell’affidamento in prova ai servizi sociali.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina – Parco Regionale, due daini e un istrice travolti e uccisi

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Roccamonfina – Sono stati ritrovati due daini investiti e un istrice (tutti senza vita) nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.