Ultim'ora

ROCCAMONFINA – Investì è uccise l’amica della madre, condannato fratello ex vice sindaco

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

ROCCAMONFINA (di Gianni Del Monte) – Investì e uccise l’amica della madre, le due donne camminavano insieme quando un tragico destino le separò. Per quei fatti si è concluso oggi l’iter giudiziario attraverso un patteggiamento e il risarcimento del danno. Per la morte della 77enne Vincenza Martinelli, è stato condannato a un anno e sette mesi di reclusione Antonio De Filippo, un 40enne del luogo, fratello dell’ex vice sindaco, attuale consigliere di maggioranza, primo degli eletti nell’ultima sfida elettorale Vittorio De Filippo. Inoltre De Filippo (difeso dall’avvocato Gabriele Gallo) dovrà pagare una multa di 2.200 euro, mentre l’assicurazione ha già erogato il risarcimento del danno ai familiari della vittima. La pena è stata sospesa.

La storia della tragedia:
La povera donna, Vincenza Martinelli, un sabato del dicembre 2015, camminava per raggiungere la propria abitazione affiancata dalla signora Livia, madre dell’investitore ed amica della stessa Vincenza. Erano appena uscite dalla chiesa, quando in località Cembali una Fiat Panda arrivò improvvisamente finendo contro le due donne. Vincenza morì sul colpo. Antonio De Filippo risultò positivo al test alcolemico. Oggi la vicenda si chiude con la condanna dell’imputato.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

MONDRAGONE – SCAPPANO ALL’ALT DELLE FORZE DELL’ORDINE, CARABINIERI COINVOLTI IN UN BRUTTO INCIDENTE STRADALE

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto MONDRAGONE – A seguito di un inseguimento i Carabinieri della stazione di Baia Domizia sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.