Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Rete idrica e disagi, Martone chiede consiglio comunale urgente

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

VAIRANO PATENORA – La nuova rete idrica è un autentico dilemma tanto che i consiglieri comunali Gianpiero e Lino Martone chiedono un consiglio comunale urgente per discutere sulla vicenda. Vogliono fare chiarezza su una vicenda che appare sempre più un giallo dalla difficile soluzione. Pesanti i disagi per i cittadini che devono subire continue interruzioni nell’erogazione dell’acqua.  Il consiglio comunale dovrà servire a chiarire e discutere loStato attuativo e di completamento dei lavori per la rete idrica, analisi  dei ritardi e delle motivazioni; rescissione convenzione Consorzio Idrico Terra di Lavoro con programma di gestione diretta della rete; nomina Perito ingegnere idraulico per analisi e valutazione tecnica delle continue carenze di acqua in tante abitazioni civili, delle continue perdite, con la possibile funzione di CTU nel convocare a confronto i gestori tecnici del Consorzio. Valutazioni e Determinazioni”.
Il Gruppo Torre “sottolinea la particolarità, l’urgenza e la straordinarietà del Consiglio richiesto; troppe, inspiegabili ed eccessive sono le continue  carenze idriche in molte aree del comune; tante e continue sono le esasperate proteste dei cittadini, con possibili conseguenze di ordine e sicurezza pubblica, a cui abbiamo il dovere morale di dare le dovute spiegazioni”.

Guarda anche

Letino / Caserta – Coronavirus: tre nuove vittime, una nel cuore del Matese

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Letino / Caserta – L’epidemia torna a destare paura e preoccupazione. Ci sono state, nelle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.