Ultim'ora

LA CRONACA – Tenta di uccidere il fratello e la cognata a colpi di spranga, arrestato

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

I Carabinieri della Stazione di Santa Maria a Vico (CE), coadiuvati da quelli della Stazione di San Felice a Cancello (CE), in Cervino (CE), hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per lesioni gravissime aggravate, di Di Nuzzo Vincenzo cl.1965, del luogo.  L’uomo è ritenuto responsabile delle gravissime lesioni cagionate al fratello e alla cognata. Tra i predetti, infatti, è scaturita una lite, dovuta a futili motivi riconducibili a questioni di convivenza condominiale, che è poi degenerata con l’aggressione fisica dell’arrestato nei confronti dei coniugi. Di Nuzzo Vincenzo, armato di una spranga in metallo,  ha  brutalmente e ripetutamente colpito entrambi alla testa. I militari dell’Arma, intervenuti tempestivamente sul posto, sono riusciti a rintracciare l’aggressore e a recuperare e sequestrare l’arma utilizzata. Le vittime, trasportate dai sanitari del 118 presso il pronto soccorso dell’ospedale di Maddaloni (CE), sono state ricoverate in prognosi riservata per le gravi ferite riportate. Al momento non vertono in pericolo di vita. L’arrestato è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere (CE) e posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

 

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Calcio, il Notaresco “sfratta” la FC Matese dai play off. Il monito di Urbano a Rega: la società deve crescere

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Sconfitta di misura per gli uomini di mister Urbano sul campo del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.