1

ALVIGNANO / PIEDIMONTE MATESE / TEANO – Falsi incidenti stradali, 20 indagati: la procura chiede il processo

ALVIGNANO / PIEDIMONTE MATESE / TEANO – Minacciarono i medici per ottenere il cambio di un certificato per sostenere un falso incidente stradale. Con queste accuse sono state  indagate 20 persone, Secondo l’accusa quando si resero conto che sul certificato medico era indicata la dizione “incidente domestico” e non la dicitura “incidente stradale” si sareb­bero recati presso l’ospedale di Piedimonte Matese e avrebbero minacciato il personale sanitario di denunciarli se non avessero provveduto a cambiare la dia­gnosi. Sono accusati di fraudo­lento danneggiamento dei beni assicurati e mutilazione fraudo­lenta della propria persona.
La richiesta di rinvio a giudizio è stata firmata per Orlando Dorian, medico di Santa Maria Capua Vetere, Sergio Mottola 44 anni di Teano; Antonio Iannazzo 80 anni di Teano; Carolina Prandini 48 anni di Rionero Sannitico; Ines Caparco 74 anni di Teano; Maria Teresa Dell’E­state 83 anni di Teano; Simona Ricciardi 27 anni di Teano; Gianpiero De Luca 43 anni di Teano; Danilo Chece 24 anni di Alvignano; Salvatore Iovino 27 anni di Calvi Risorta; Adriano Caparco 42 anni di Teano; Jes­sica Lancellotti 26 anni di Teano; Romolo D’Angelo, 59 anni di Teano; Daniele De Luca 27 anni di Teano; Giorgio Maglioca 52 anni di Bellona; Rocco Sardella 34 anni, di Teano; Antonio Cocozza di Teano; Urbano Mortola 49 anni di Teano. I fatti contestati si sarebbero verificati tra il 2010 e il 2011 quando, alcune delle persone coinvolte, si sarebbero recati per farsi refertare negli ospedali di Sessa Aurunca, Teano e Piedimonte Matese. Secondo l’accusa le strutture sanitarie erano all’oscuro dell’attività posta in essere dagli indagati.
Ora, dopo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura, la parola passa al Giudice per l’udienza preliminare che dovrà decidere se accogliere la proposta della pubblica accusa, oppure archiviare. Chiaramente la valutazione riguarda la posizione di ogni singolo  indagato. Inoltre va evidenziato che i presunti reati contestati sono quasi al limite della prescrizione.