Ultim'ora
Foto di repertorio

CASERTA – Camorra, vigile urbano ucciso per vendetta: sette arresti

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

CASERTA – E’ in corso un’operazione condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Caserta,  coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, nei confronti di nei confronti di 7 persone, elementi apicali del clan “dei casalesi”, ritenuti a vario titolo,  i mandanti e gli esecutori dell’omicidio – avvenuto in San Cipriano d’Aversa il 11.02.1989 – di un vigile urbano.  Diana Antonio, secondo gli inquirenti e la Procura Antimafia, fu ucciso perchè ritenuto componente del gruppo che uccise un affiliato al clan dei Casalesi. Una vendetta, quindi alla base dell’omicidio del vigile urbano; fatto che si innesta all’interno della lotta fra i  Bardellino e i Casalesi.
Nella prime ore della mattinata odierna, nelle province di Caserta, Napoli, L’Aquila, Ascoli Piceno, Parma e Viterbo, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di 7 persone, elementi apicali del clan “dei casalesi”, ritenuti a vario titolo, i mandanti e gli esecutori dell’omicidio – avvenuto in San Cipriano d’Aversa il 11.02.1989 – del vigile urbano DIANA Antonio, classe’59.
L’indagine, riaperta nel mese di maggio 2014, anche a seguito delle dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, tra cui il noto IOVINE Antonio detto “o ninno”, figura verticistica della medesima organizazione, ha consentito, attraverso una laboriosa attività  di riscontro  eseguita  anche  attraverso l’acquisizione di documenti attinenti alle indagini svolte all’epoca dei fatti, di far luce sull’efferato delitto, testimoniando la costante attenzione della Magistratura e dei Carabinieri su tutti gli episodi criminali, escludendo che il decorso del tempo possa determinare l’impunità dei responsabili di gravi reati.
Secondo quanto ritenuto dal GIP il fatto si colloca tra quelli caratterizzanti lo scontro armato tra le due fazioni della medesima organizzazioni camorristica c.d. “dei casalesi”, una delle quali, risultata vincente al termine del conflitto, era capeggiata dalla triade SCHIAVONE Francesco detto “Sandokan”,BIDOGNETTI Francesco detto “Cicciotto ‘e mezzanotte” e DE FALCO Vincenzo detto “‘o fuggiasco “, mentre l’altra, decimata militarmente, era composta dagli affiliati rimasti fedeli alla famiglia BARDELLINO e capeggiata dal nipote diretto di quest’ultimo, SALZILLO Antonio detto “capacchione “, alleato con CATERINO  Sebastiano  detto  “l’evraiuolo” e con VENOSA  Luigi detto “cucchiere”.In particolare, il movente dell’omicidio è stato individuato nella necessità di vendicare l’assassinio di RUSSO Michele, nell’ambito del quale è stato ritenuto che il vigile avesse svolto il ruolo di specchiettista “.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

TEANO / ALIFE – Due Diocesi in festa, il vescovo Cirulli compie 69 anni

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto TEANO / ALIFE (di Nicolina Moretta) – Oggi il Vescovo Giacomo Cirulli compie 69 anni, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.