Ultim'ora

ROCCAMONFINA – Case popolari come in una giungla, erbacce e degrado all’ingresso di Fontanafredda

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

ROCCAMONFINA (di Antonio Migliozzi) – Provenendo dalla Strada Provinciale che da Sessa Aurunca porta al Comune di Roccamonfina, e precisamente all’incrocio che conduce presso la frazione roccana di Fontanafredda, laddove persiste il complesso delle cosiddette case popolari, vi è un’ampia area demaniale oramai dalle sembianze di una giungla. L’erba ha oramai raggiunto delle dimensioni tali da coprire addirittura il primo piano delle suddette abitazioni. A quanto pare sarebbero addirittura cinque mesi che questa vasta di area pubblica non viene pulita, con dei seri rischi sia di incendi che invasioni di animali vari che potrebbero entrare presso le abitazioni. All’interno di quest’area di sono anche delle panchine che il tempo ha ridotto in uno stato di parziale recupero, ma il verde selvatico le ha completamente ricoperte di vegetazione. Per onore di cronaca bisogna sottolineare che il dovere della stampa è quella di registrare tutto ciò che avviene in una comunità, esaltando le cose buone che ci sono (ed a Roccamonfina fortunatamente ci sono), ma allo stesso tempo denunciare anche le cose non vanno in una maniera costruttiva, in modo tale da stimolare il torpore che ci potrebbe essere tra le istituzioni, impegnate a risolvere i problemi del proprio paese che naturalmente sono moltissimi.

foto roccamonfina 1

Guarda anche

Piedimonte Matese – La Fc Matese “ribalta” il Castelnuovo Vomano

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Ha vinto, in rimonta, la Fc Matese la delicata sfida contro il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.