Ultim'ora
Rossella Cappabianca

CELLOLE / BAIA DOMIZIA – Sfruttamento dei minori sulle spiagge del litorale, Cappabianca denuncia il fenomeno sociale

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

CELLOLE / BAIA DOMIZIA (Matilde Crolla) – Il “lavoro minorile”, fenomeno sociale complesso e dalle mille sfaccettature, è tornato al centro dell’analisi e delle politiche sociali. Il consigliere comunale del ‘Comitato civico cellolese’, Rossella Cappabianca, è intervenuta sulla problematica che da anni si presenta sul territorio, in particolare sulle spiagge del litorale domizio. “E’ da qualche tempo ormai che questo fenomeno si manifesta “silenziosamente” sulle spiagge del litorale domizio, tra gli sguardi “indifferenti” e a volte “dispiaciuti” dei turisti e degli abitanti del posto, abituati a vedere minori, per lo più extracomunitari, che trascorrono giornate a vendere oggetti di diverso genere sotto il sole cocente dell’estate, bambini che sebbene in età da scuola elementare sembrano già “grandi” -sostiene Rossella Cappabianca-. Oltre alla povertà e al contesto familiare, altra causa dello sfruttamento minorile è la cosiddetta “precarietà sociale”. Infatti, alcuni studiosi affermano che all’interno di specifici processi di socializzazione generati in determinate sub-culture – per le quali l’istruzione non costituisce una garanzia per guadagnarsi da vivere – il lavoro minorile rappresenti un “modello produttivo” che assicuri il “futuro””, spiega il consigliere comunale del ‘Comitato civico cellolese’. Quest’ultima è intervenuta sull’argomento anche con una relazione pubblicata sulla rivista ‘Ans Campania’, dell’associazione nazionale sociologi. “La Costituzione italiana con l’art. 37, sull’argomento in questione ha dedicato una peculiare norma da cui il Legislatore ordinario ha disciplinato il lavoro minorile, stabilendo i parametri di riferimento, ossia: A) il compimento del quindicesimo anno di età per accedere al mercato del lavoro; B) l’assolvimento dell’obbligo scolastico. La “Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia” impone a ogni Paese la tutela dei diritti fondamentali dei minori- spiega ancora Rossella Cappabianca-, siano essi comunitari o extracomunitari e la protezione da ogni forma di sfruttamento. Pertanto, nell’ottica di una riqualificazione territoriale, non è più possibile differire l’attuazione di politiche che favoriscano l’integrazione socio-educativa e l’applicazione delle normative vigenti. Non si può pensare a uno sviluppo economico senza uno sviluppo sociale”, conclude il consigliere comunale del ‘Comitato civico cellolese’.

Guarda anche

Marcianise / Caserta – Movida violenta, 5 giovani condannati: 6 anni “fuori dai locali”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Marcianise / Caserta – Il Questore della Provincia di Caserta  ha emesso cinque provvedimenti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.