1

PIEDIMONTE MATESE – Tragedia sul cantiere, ferito l’imprenditore Zoccolillo. E il giallo appare sempre più “intrecciato”

PIEDIMONTE MATESE – Tragedia sul cantiere, oltre ai due operai morti (Antonio Artzeni e Albino Tammaro), sarebbe rimasto ferito anche l’imprenditore Marco Zoccolillo. Proprio la sua impresa era quella che avrebbe fornito il ponteggio alla Alma Service srl, vincitrice dell’appalto. Ma c’è di più. Zoccolillo, titolare dell’impresa che fornisce i ponteggi alla Alma Service srl, è il fratello del titolare dell’impresa – Alcas srl – che ha partecipato alla gara d’appalto per i lavori presso la stessa chiesa della tragedia, classificandosi al secondo posto, dietro la Alma Service srl. Ma non è finita. Infatti Marco Zoccolillo dovrebbe essere anche il fratello del titolare della Cogeme, vincitrice di un grosso appalto per i lavori pressa la chiesa di Castello del Matese; lavori che si innestano sempre nei fondi post terremoto 2013 che la Diocesi ha “sistemato” con 10 “gare d’appalto” lo scorso settembre.
Insomma, appare davvero come una “divina coincidenza” il fatto che il fratello dell’impresa che si classifica al secondo posto nella gara d’appalto, poi fornisce i ponteggi alla ditta vincitrice. Quando si dice che le vie del signore sono (davvero) infinite!
Ritornando alla cronaca, la terribile cronaca di ieri, sembra che Marco Zoccolillo era lì, al momento della tragedia. Mentre Albino Tammaro e Antonio Artzeni erano sul ponteggio, lui, probabilmente, era sul selciato, per controllare le operazioni di montaggio di quel maledetto ponteggio. Quando tutto è crollato, uccidendo i due operai, Zoccolillo sarebbe rimasto ferito. Trasportato all’ospedale di Piedimonte Matese sarebbe stato medicato e giudicato guaribile in una decina di giorni. Intanto le cose da chiarire sulla vicenda restano ancora tantissime. Il dolore per la morte dei due operai è immenso. L’indignazione ancor più!

Leggi anche:

PIEDIMONTE MATESE – Operai schiacciati, chiese e lavori post terremoto: emerge lo scandalo. 4 cantieri su 7 bloccati. Il Vescovo sapeva. Anche i tecnici

chiesa-tragedia-appalto