Ultim'ora
Claudio Schiavone per molti anni ha gestito i lavori pubblici nei comuni di Alvignano e Dragoni

DRAGONI / ALVIGNANO / CAIAZZO / PIEDIMONTE MATESE – Camorra, politica e affari, i pentiti: Claudio Schiavone pagava politici e funzionari

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

DRAGONI / ALVIGNANO / CAIAZZO / PIEDIMONTE MATESE – Camorra, politica e affari, Panaro e Di Caterino: Claudio Schiavone pagava politici e funzionari per vincere le gare. Un metodo semplice e sicuro andato avanti per anni attraverso il quale l’imprenditore – ritenuto dalla Procura referente dei Casalesi – ha fatto man bassa di appalti in diversi comune dell’Alto Casertano e del Matese.
Il pentito Nicola Panaro nell’interrogatorio dello scorso marzo fa una precisa distinzione fra l’imprenditore vittima e l’imprenditore amico. Il primo era quello che si limitava a subire l’estorsione in relazione ad appalti di cui noi avevamo contezza. L’imprenditore amico, invece, era quello che si avvaleva della capacità di intimidazione del can nonché delle sue conoscenze. “…. Che io sappia SCHIAVONE Claudio prendeva appalti anche nell’alto casertano e con tale espressione intendo riferirmi ai comuni di Dragoni. Alvignano, Caiazzo, Giano Vetusto, Piana di Caiazzo, ecc. Aveva contatti con politici dell’alto casertano. Lo so in quanto se ne è parlato spesso all’interno del can, nel senso che più volte Nicola Schiavone affermava tale circostanza.
Più esplicito il collaboratore Emilio Di Caterino che in un interrogatorio dello scorso maggio afferma: “….Per quanto riguarda gli appalti aggiudicati a Schiavone Claudio nell’alto casertano ne ricordo in particolare uno, del 2006 in zona Piedimonte Matese; il referente del clan era tale Letizia Raffaele detto lello che riscuoteva la tangente per conto di Nicola Schiavone direttamente da Schiavone Claudio. So bene questo perché ricordo un particolare, ci fu un furto di un escavatore di Schiavone Claudio proprio presso il luogo in cui si stavano svolgendo questi lavori e a me si rivolsero Letizia Raffaele e Maurizio Capasso, entrambi affiliati al clan Schiavone Nicola, per poter rintracciare questo escavatore in quanto io avevo rapporti con un certo Piccolo Salvatore, che abitava lì in zona, e organizzava furti per poi fare il cavallo di ritorno. Piccolo Salvatore è nativo di San Cipriano d’Aversa ma da anni risiede nella zona di Piedimonte Matese. Si anche nelle zone dell’alto casertano gli appalti venivano gestiti dalla famiglia di SCHIAVONE Francesco detto Sandokan che aveva i suoi referenti in zona. Tutti i comuni dell ‘alto casertano della zona di Piedimonte Matese erano tutti sotto la sua influenza. Con le tangenti si corrompevano i funzionari ed i politici e si aggiudicavano le gare…

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

Maddaloni – Temporali e danni nel casertano, viabilità interrotta sull’Appia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Maddaloni – Dopo giorni di caldo africano, il primo pomeriggio di oggi è stato caratterizzato …

un commento

  1. Ma questi pentiti i nomi dei politici e funzionari tangentisti non li fanno?O non la legge li secreta?Finchè non usciranno fuori questi nomi non cambierà nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre + nove =

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.