Ultim'ora

CALVI RISORTA / SPARANISE – Discarica Ex Pozzi, Pina Picierno: solo allarmismo, scarsa pericolosità

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

CALVI RISORTA / SPARANISE – Discarica ex Pozzi – la discarica abusiva più grande d’Europa – non sarebbe una cosa di cui preoccuparsi seriamente perché, in sostanza, non rappresenterebbe pericolo grave per la salute delle persone. Lo afferma l’europarlamentare Pina Picierno: “Il clamore mediatico può provocare allarmismi ingiustificati e sulla vicenda che riguarda l’area dell’ex Pozzi Ginori c’è stata tanta disinformazione. E’ proprio per fare chiarezza che oggi ho incontrato e ascoltato le Autorità che – per competenza – si stanno occupando di analizzare il territorio. Dalle parole del Prefetto Cafagna, del Colonnello del Corpo Forestale Michele Capasso, del commissario dell’ARPAC Campania Vasaturo, dell’On. Alessandro Bratti e dei tanti intervenuti emerge una sola verità: ad oggi, e per fortuna, non ci sono elementi che ci diano motivo di segnalare una particolare “pericolosità” dell’area. Drammatizzare il caso e continuare a intervenire con l’ottica della politica delle emergenze non aiuta la nostra terra, né i cittadini che lavorano e vivono grazie ad essa. Bisogna seguire con attenzione lo sviluppo delle analisi: nessuno può e deve sostituirsi alle Autorità, agli Inquirenti e alle Istituzioni che stanno svolgendo un grandissimo lavoro; la politica ha, invece, la responsabilità di offrire soluzioni, di tutelare i cittadini e mantenere alta l’attenzione per assicurare il massimo grado di benessere ai nostri territori”.

picierno-ex-pozzi-incontro

Guarda anche

SCUOLA e CORONAVIRUS – Il Governo ci ripensa: niente DAD con un solo contagiato

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Non verrà attuata la didattica a distanza in caso di un solo positivo in classe. …

un commento

  1. La onorevole non ha alcuna competenza in campo scientifico né sanitario e soprattutto non abita in queste terre avvelenate dove le aspettative di vita media sono al di sotto di tutte le statistiche e se ci si ammala per il veleno che ci avvolge non ci si può neanche curare degnamente. É necessario che ognuno parli in base alle proprie competenze e non si pensi di sostituirsi a coloro che ogni giorno incontrano la sofferenza di malati oncologici e di tante altre patologie che insorgono a causa dell ‘ inquinamento , perché gentile onorevole di avvelenamento da metalli pesanti si muore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.