Ultim'ora

TEANO – Il Papa e le 15 malattie delle Curie. Le parole del Santo Padre cadono nel vuoto

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

prete

TEANO – La malattia del profitto mondano, degli esibizionismi è quando l’apostolo trasforma il suo servizio in potere, e il suo potere in merce per ottenere profitti mondani o più poteri”. La malattia della rivalità e della vanagloria è quando l’apparenza, i colori delle vesti e le insegne di onorificenza diventano l’obiettivo primario della vita, generando anche «un falso “misticismo” e un falso “quietismo”, che nascondono sempre la mancanza di umiltà.
Papa Francesco ha indicato quali sono le “malattie” che possono attaccare una parrocchia, una diocesi, e quindi il clero. Da tempo Papa Francesco predica umiltà, impegno vero e autentica cristianità. Parole che sembrano spesso cadere nel vuoto tanto da sembrare ignorate proprio da coloro che dovrebbero maggiormente attuarle. Capita così che l’esibizionismo, la manifestazione del potere prendano il sopravvento sulla vera missione di chi indossa la tonaca. Si dimentica, a volte, che il figlio di Dio percorreva strade polverose, camminava scalzo, indossava stracci, predicava nelle piazze sporche, nelle stalle, fra le persone più bisognose e umili. Cristo camminava a piedi, a volte su un umile somarello, mai sul dorso di un magnifico destriero bianco. Oggi, invece, ci si vanta di avere chiese simili a templi pagani, ricche di marmi e di sfarzo, con organi costosi più di un palazzo. Ma cosa direbbe il nostro Papa davanti a tutto questo?. Elogerebbe coloro che con caparbietà hanno “preteso” la realizzazione di simili progetti, oppure direbbe loro che – per un autentico cristiano – è più giusto essere ricordato per le opere di bontà, anziché per lussuose cattedrali?  L’esempio di San Francesco e di Madre Teresa di Calcutta dovrebbero essere la via maestra  per tutti.  Invece….   Speriamo che al più presto Papa Francesco possa fare un giro nella diocesi Teanese, giusto per “apprezzare” certi “capolavori”.
Papa Francesco ha parlato – il 22 dicembre 2014, denunciando – per parafrasare il beato Rosmini – le quindici piaghe che minacciano la Curia e gli uomini di Curia, ma che si ritrovano – ha detto – anche nelle diocesi, parrocchie, associazioni e movimenti, e da cui tutti dobbiamo cercare di liberarci. La Curia, ha detto il Pontefice, è «un piccolo modello della Chiesa» ed è anch’essa un «corpo» che vive, opera, si nutre e può ammalarsi. Le sue malattie, come quelle di altri “corpi” nella Chiesa, derivano quasi sempre da una cattiva alimentazione, cioè dal non alimentarsi a sufficienza di Gesù Cristo, il che può avvenire solo nella pratica sacramentale fervente – ancora una volta, il Papa ha raccomandato la confessione – e nella preghiera. «Un membro della Curia che non si alimenta quotidianamente con quel cibo diventerà un burocrate (un formalista, un funzionalista, un impiegatista): un tralcio che si secca e pian piano muore e viene gettato lontano». Proprio per «prepararci al Sacramento della Riconciliazione, che sarà un bel passo di tutti noi per prepararci al Natale», il Pontefice ha proposto un «catalogo delle malattie della Curia», dichiarando d’ispirarsi ai cataloghi dei peccati più frequenti compilati dai Padri del Deserto.

Ecco le quindici “malattie” denunciate da Papa Francesco.

1. «La malattia del sentirsi “immortale”, “immune” o addirittura “indispensabile” trascurando i necessari e abituali controlli. Una Curia che non si autocritica, che non si aggiorna, che non cerca di migliorarsi è un corpo infermo». Tutti ci crediamo insostituibili, ma «un’ordinaria visita ai cimiteri ci potrebbe aiutare a vedere i nomi di tante persone, delle quale alcuni forse pensavano di essere immortali, immuni e indispensabili!». Contro questa «patologia del potere», che diventa «narcisismo», l’antidoto «è la grazia di sentirci peccatori e di dire con tutto il cuore: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare” (Lc 17, 10)».

2. «La malattia del “martalismo” (che viene da Marta), dell’eccessiva operosità: ossia di coloro che si immergono nel lavoro, trascurando, inevitabilmente, “la parte migliore”»: cioè la preghiera e anche il riposo, che è «necessario e doveroso».

3. «La malattia dell’“impietrimento” mentale e spirituale: ossia di coloro che posseggono un cuore di pietra e un “duro collo” (At 7, 51-60); dicoloro che, strada facendo, perdono la serenità interiore, la vivacità e l’audacia e si nascondono sotto le carte diventando “macchine di pratiche” e non “uomini di Dio”». Alla fine, si sbrigano tante pratiche ma si perde «la sensibilità umana necessaria per farci piangere con coloro che piangono e gioire con coloro che gioiscono!».

4. «La malattia dell’eccessiva pianificazione e del funzionalismo: Quando l’apostolo pianifica tutto minuziosamente e crede che facendo una perfetta pianificazione le cose effettivamente progrediscono, diventando così un contabile o un commercialista». «Preparare tutto bene è necessario ma senza mai cadere nella tentazione di voler rinchiudere e pilotare la libertà dello Spirito Santo».

5. «La malattia del mal coordinamento: quando i membri perdono la comunione tra di loro e il corpo smarrisce la sua armoniosa funzionalità e la sua temperanza diventando un’orchestra che produce chiasso perché le sue membra non collaborano» e «non vivono lo spirito di comunione e di squadra».

6. «La malattia dell’Alzheimer spirituale»: «un declino progressivo delle facoltà spirituali che in un più o meno lungo intervallo di tempo causa gravi handicap alla persona facendola diventare incapace di svolgere alcuna attività autonoma, vivendo uno stato di assoluta dipendenza dalle sue vedute spesso immaginarie». Coloro che ne sono colpiti «dipendono completamente dal loro “presente”, dalle loro passioni, capricci e manie», perdendo la memoria del primo incontro con il Signore e del perché sono diventati cristiani, sacerdoti, vescovi.

7. «La malattia della rivalità e della vanagloria: quando l’apparenza, i colori delle vesti e le insegne di onorificenza diventano l’obiettivo primario della vita», generando anche «un falso “misticismo” e un falso “quietismo”», che nascondono sempre la mancanza di umiltà.

8. «La malattia della schizofrenia esistenziale: è la malattia di coloro che vivono una doppia vita, frutto dell’ipocrisia tipica del mediocre e del progressivo vuoto spirituale che lauree o titoli accademici non possono colmare». Troppi, anche tra sacerdoti e vescovi, creano «un loro mondo parallelo, ove mettono da parte tutto ciò che insegnano severamente agli altri e iniziano a vivere una vita nascosta e sovente dissoluta».

9. «La malattia delle chiacchiere, delle mormorazioni e dei pettegolezzi», la malattia che viene «da Satana» di cui il Papa parla tanto spesso, che crea un vero «terrorismo delle chiacchiere»: «la malattia delle persone vigliacche che non avendo il coraggio di parlare direttamente parlano dietro le spalle».

10. «La malattia di divinizzare i capi: è la malattia di coloro che corteggiano i Superiori, sperando di ottenere la loro benevolenza. Sono vittime del carrierismo e dell’opportunismo, onorano le persone e non Dio». Peraltro, «questa malattia potrebbe colpire anche i Superiori quando corteggiano alcuni loro collaboratori per ottenere la loro sottomissione, lealtà e dipendenza psicologica, ma il risultato finale è una vera complicità».

11. «La malattia dell’indifferenza verso gli altri: quando ognuno pensa solo a se stesso e perde la sincerità e il calore dei rapporti umani». Nella sua forma più grave, «per gelosia o per scaltrezza, si prova gioia nel vedere l’altro cadere invece di rialzarlo e incoraggiarlo».

12. «La malattia della faccia funerea: ossia delle persone burbere e arcigne, le quali ritengono che per essere seri occorra dipingere il volto di malinconia, di severità e trattare gli altri – soprattutto quelli ritenuti inferiori – con rigidità, durezza e arroganza». In realtà, «la severità teatrale e il pessimismo sterile sono spesso sintomi di paura e di insicurezza di sé», mentre il vero apostolo si riconosce dallo «spirito gioioso, pieno di humour, e persino autoironico». Come antidoto, il Papa ha raccomandato la preghiera attribuita a San Tommaso Moro («Signore, concedimi la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio per cambiare le cose che posso, e la saggezza per distinguere la differenza fra le une e le altre»): «io la prego tutti i giorni», ha detto il Papa, «mi fa bene».

13. «La malattia dell’accumulare: quando l’apostolo cerca di colmare un vuoto esistenziale nel suo cuore accumulando beni materiali, non per necessità, ma solo per sentirsi al sicuro». «L’accumulo appesantisce solamente e rallenta il cammino inesorabilmente», ha detto il Papa, ricordando che i Gesuiti si definivano la «cavalleria leggera della Chiesa» anche per i pochi beni materiali che dovevano portare con sé: ma non sono sempre stati fedeli a questa definizione.

14. «La malattia dei circoli chiusi: dove l’appartenenza al gruppetto diventa più forte di quella al Corpo e, in alcune situazioni, a Cristo stesso». La malattia «inizia sempre da buone intenzioni ma con il passare del tempo schiavizza i membri diventando “un cancro”».

15. «E l’ultima, la malattia del profitto mondano, degli esibizionismi : quando l’apostolo trasforma il suo servizio in potere, e il suo potere in merce per ottenere profitti mondani o più poteri». È la malattia delle persone «che cercano insaziabilmente di moltiplicare poteri e per tale scopo sono capaci di calunniare, di diffamare e di screditare gli altri, perfino sui giornali e sulle riviste», o chiamano i giornalisti di riferimento, magari per raccontare «cose private e riservate» della Curia o della Chiesa.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

MARZANO APPIO – Partita del Cuore, la risposta degli organizzatori e più grave dell’azione: Vogliamo ricordare solo gli amici

Tempo di lettura stimato: 2 minuti MARZANO APPIO (di Nicolina Moretta) – Il mio precedente articolo che aveva come tematica “La …

un commento

  1. Abbiamo un Santo Papa, ma vorrei chiedere a chi ha scritto queste osservazioni, ma se abbiamo chiese meravigliose con grandi opere d’arte,forse anche i nostri antenati non capivano niente?? Io penso che noi cristiani non abbiamo bisogno solo di cibo per lo stomaco ma anche di cibo per l’anima , e allora anche la musica o un fiore ci possono tornare di aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.