Ultim'ora

CANCELLO ED ARNONE – Paese abbandonato e dimenticato, sale la sfiducia verso la classe dirigente

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

cancello arnone 2cancello arnone 3cancello arnone 4

CANCELLO ED ARNONE (ettore fieramosca) – Di anni ne ho tanti e non ricordo di aver mai visto questo nostro caro paese versare in uno stato di così totale abbandono. Cumuli dappertutto non raccolti per diversi giorni. Raccolta differenziata tanto sbandierata dal sindaco e ancora oggi i rifiuti vengono raccolti tutti insieme. Strade e marciapiedi senza manutenzione. Dipendenti comunaliper mesi senza stipendio. Librai locali che si rifiutano di fornire i libri perchè vantano crediti o non hanno fiducia verso l’attuale amministrazione. Il comune costretto a rivolgersi fuori paese facendo le solite promesse da marinaio. Strade e marciapiedi occupati in modo disordinato senza l’ombra di un vigile che metta ordine. Cimitero nuovo in condizioni pietose e mai completato. Forze dell’ordine che hanno preso d’assalto il nostro comune. Avvisi di garanzia, rinvii a giudizio, segretari comunali e revisori che “scappano”. Richiami seri da parte della Corte dei Cont. Ammanchi dalle casse comunali. Tesorerie che vanno e che vengono. Pignoramenti vari. Cartelle esattoriali pazze ed esagerate. Ad Arnone manca la luce pubblica da quattro giorni. In via Santa Maria a Cubito incrocio via Diaz il semaforo è fuori uso da un anno. Se fosse stato in funzione avrebbe evitato, pochi giorni fa, un serio incidente ad una nostra concittadina. Le scuole sempre con i soliti problemi e si cerca di rimediare ad anno scolastico iniziato.  In via Pagliarone, un pneumatico e una latta di plastica sostituiscono le grate. Una volta dalle aste poste sul ponte Garibaldi sventolavano le bandiere dei paesi europei. In paese ne era fiero. Molti ci invidiavano. Ma poi qualcuno decise di toglierle invece di ripulirle. Forse perchè ricordavano qualcuno che aveva fatto tanto per questo paese. Adesso attorcigliate a quelle aste ci sono ancora le luci di Natale da sei anni. Ancora oggi sventolano come stracci gli striscionidella sagra della mozzarella. Povero paese mio.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

MARZANO APPIO – Partita del Cuore, la risposta degli organizzatori e più grave dell’azione: Vogliamo ricordare solo gli amici

Tempo di lettura stimato: 2 minuti MARZANO APPIO (di Nicolina Moretta) – Il mio precedente articolo che aveva come tematica “La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.