Ultim'ora
Antonio Mammoli

TORA E PICCILLI – Scandalo autovelox, processo rinviato a febbraio. La Corte dei Conti agli indagati: restituite 700mila euro al municipio.

Tempo di lettura stimato: 2 minuti
Antonio Mammoli
Antonio Mammoli

TORA E PICCILLI  –  Scandalo autovelox, processo rinviato a  febbraio 2015. Tutta colpa di un difetto di notifica che ha impedito al giudice di procedere. Fa paura, però, la Corte dei Conti che chiede – agli indagati, a vario titolo,  di “rimettere” nelle casse del comune 700mila euro. Davanti al giudice dieci persone, in pratica le due giunte dei due governi Mammoli. Prossimo dicembre il giudice stabilità se dovranno essere rinviati a giudizio oppure assolti. Gli indagati sono, oltre al sindaco Antonio Mammoli, Daniele De Cesare, Loris Esanti, Antonio Cardente, Maria Segrella, Eugenio De Filippis,  Francesco Lepore, Monia Giannandrea, Angelo Capuano e Raul Cairoli. Quasi la totalità degli amministratori comunali coinvolti nella vicenda sono difesi dall’avvocato Vincenzo Cortellessa. Per loro le accuse, a vario titolo, sono di abuso d’ufficio, falso e turbativo d’asta.  Fra i difensori degli indagati figurano gli avvocati Vincenzo Cortellessa e Renato Jappelli. I legali si mostrao sicuri di riuscire a scardinare l’impianto accusatorio e dimostrare l’estranetà dei loro assisstiti. Autovelox col trucco: secondo questa ipotesi investigativa, più di 200 persone, tra cui sindaci, assessori e comandanti delle Polizie municipali, sono indagate nel Casertano nell’ambito di un’operazione dei carabinieri di Capua e della Polizia stradale di Caserta in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo della Procura di Santa Maria Capua Vetere. Le indagini hanno avuto per oggetto il rilevamento delle infrazioni, evidenziando un sistema che secondo gli investigatori “rappresentava un modo di facile, ingiusto e rilevante profitto”. Ora per molti degli indagati, entro pochi mesi, si deciderà sul destino processuale. Intanto, sulla vicenda, la Corte dei Conti punta l’indice contro l’ex giunta di Antonio Mammoli e chiede agli ex amministratori comunali del comune di Tora e Piccilli, oltre 700mila euro. La somma – che dovrebbe essere versata nelle casse del comune – sarebbe il danno erariale prodotto da quella giunta.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

MARZANO APPIO – Partita del Cuore, la risposta degli organizzatori e più grave dell’azione: Vogliamo ricordare solo gli amici

Tempo di lettura stimato: 2 minuti MARZANO APPIO (di Nicolina Moretta) – Il mio precedente articolo che aveva come tematica “La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.