Ultim'ora

TORA E PICCILLI – TASSE, LE RAGIONI DELL’EX SINDACO DE SIMONE

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

de Simone Angelo

TORA E PICCILLI – Tasse, non si placa la polemica dopo l’arrivo delle prime cartelle di pagamento e dopo la “difesa” dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Natascia Valentino. L’ex primo cittadino, Angelo De Simone, ha precisato:

“Il Ruolo TARI non si eredita dalla passata amministrazione ma si elabora anno per anno in base ai costi ed alle tariffe di smaltimento Provinciali e Regionali; il ruolo TARI deve essere lavorato sulla scorta di dati precisi, così come specificato anche da una nota dell’Ufficio Anagrafe; la passata Amministrazione aveva istituito apposito Ufficio Tributi il cui responsabile, cacciato dalla nuova amministrazione nel mese Giugno, aveva predisposto su di un computer portatile appositamente destinato alla lavorazione dei dati tributari, una banca dati aggiornata che si interfacciava direttamente con i dati dell’anagrafe attraverso specifico software della Hallev {che tra l’altro è utilizzato in più di 4000 Comuni);  l’Ufficio Tributi della Nuova Amministrazione è stato istituito solo nel mese di Ottobre (a costi doppi rispetto agli scorsi anni), che ad oggi ancora manca la figura del Ragioniere e che il Segretario Comunale (il precedente e “ondato via” a Luglio…) ha preso servizio la scorsa settimana.
Che sul ruolo TARI non influiscono presunti debiti o avanzi di amministrazione essendo una voce del bilancio indipendente, che va cioè coperta al 100% dai contribuenti. Rispetto allo scorso anno il costo effettivo di raccolta e smaltimento è rimasto praticamente invariato ed è di circa 130.000,00 C come si può evincere dall’allegato al bilancio. L’Amministrazione Valentino ha invece aumentato tale importo a 149.000,00 € secondo il bilancio di previsione, che sono già diventati 160.000,00 € nella determina n. 23 del 14.10.2014 di approvazione del Ruolo TARI firmata dalla stessa Sindaca quale Responsabile dell’area Finanziaria.

SI PRECISA QUANTO SEGUE

All’atto della approvazione della Delibera di Consiglio Comunale n. 23 del 09.09.2014 “Approvazione Regolamento IUC” e n.24 “Approvazione tariffe TARI e TASI”‘ abbiamo evidenziato che 11 metodo di calcolo era completamente sballato nel modi di applicazione e poteva essere non applicato per 1 comuni sotto I 5.000 abitanti, mettendo agli atti della Delibera n. 23 II metodo corretto che avrebbe garantito una equa distribuzione del ruolo a tutti I cittadini:
Che nella definizione del ruolo TARI erano s|ate aumentate le spese della consulenza e quelle generali che II Comune avrebbe sostenuto in maniera impropria, e che tale aumento avrebbe influito sui cittadini costretti a sopportare bollette molto elevate;
CHE NON ERA CORRETTO DETASSARE PER REGOLAMENTO DETERMINATE CATEGORIE A SCAPITO DEI CITTADINI -NORMAIT.
A tutte queste annotazioni la maggioranza ha risposto in maniera lapidaria: oggi ci siamo noi e decidiamo noi.
Ci chiedono collaborazione negli articoli di «tornale ma ci è stata chiusa la porta in faccia durante il Consiglio Comunale quando tutto questo scempio, frutto di totale incompetenza nella gestione del bene pubblico, poteva essere evitato.
Nell’ultima seduta di consiglio sono state poi aumentate in un anno le Tasse per circa 116.000,00 C a fronte di un mancato Incasso dell’IMU 2013 che ha portato ad un disavanzo di 32.000,00 euro.
Se sia questo II modo corretto di operare lo lasciamo ai cittadini di Torà e Piccini, ma come gruppo di minoranza ci opporremo a tutti i soprusi ed a tutte le azioni dannose alla Nostra piccola comunità”.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

DRAGONI / ALIFE – INSEGNANTE STRONCATA DAL MALE DEL SECOLO, DUE COMUNITÀ IN LUTTO

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / ALIFE – Ha perso la sua battaglia contro il cancro Ilaria Farina, insegnante …

2 commenti

  1. La gente non si rende ancora conto che bisogna votare persone capaci, serie e oneste che hanno a cuore le problematiche dei cittadini.

  2. Penso lo abbiano capito, per questo non ci sono più “i soliti noti” che più che preoccuparsi delle problematiche dei cittadini pensavano altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.