Ultim'ora

PIETRAMELARA – SPACCIO DI BANCONOTE FALSE, ARRESTATO SPADA

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

euro-banconote

PIETRAMELARA  – Spaccio di banconote false, arrestato Armando Spada. Era ancora minorenne quando fu colto in flagranza di reato dai carabinieri. In alcuni negozi di Calvi Risorta, Spada, aveva appena acquistato merce e prodotti con banconote false. Era il 2006; ora, a distanza di otto anni arriva la sentenza definitiva sulla vicenda che condanna il 22enne di Pietramelara alla pena di un anno e due mesi di reclusione. L’ordine di arresto – al regime dei domiciliari – è stato eseguito oggi dai carabinieri della locale stazione, guidata dal maresciallo Pasquale Mariano.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Caserta – Ponte e viabilità, ecco gli interventi programmati dalla Provincia

Tempo di lettura stimato: 5 minuti Caserta – Prosegue il programma di messa in sicurezza ed ammodernamento di Ponti e Viadotti …

13 commenti

  1. Speriamo che che le guardie perdano la chiave , . .e si provvedesse a fare un serio controllo tra queste persone. sempre in piazza dalla mattina alla sera senza dare nulla e poi hanno macchinoni di lusso e case da favola

  2. Sì ma attenzione ai rifugiati però…potrebbero portare la delinquenza a Pietramelara!!

  3. appunto…abbiamo già i nostri di delinquenti non ci servono quelli di altri paesi

  4. Fra poco fate la fine che fanno a Napoli : come sbagliano gli danno fuoco. Non sbagliate dove dormite

  5. e giusto che non si dovrebbe fare ma x quello che ci offre la nostra cara italia queste persone le possiamo definire onesti truffatori invece di spettegolare abbiate le palle di farvi riconoscere e rispettate ogni persona guardate un po i nostri cari amici politici che sono ladri autorizzati solo xki il nostro amico armando e un rom lo criticate ma notate anche quanti pietramelaresi sono molto piu rovinati buona giornata e ricordate sempre la vecchia mille lire di mussolini(fatevi i cazzi vostri)

  6. Vincenzo D'Agostino

    Marco Porcio Catone il Censore sentenziò: “i ladri di beni privati passano la vita nelle carceri e in catene, (quando li pescano, aggiungiamo) i ladri di beni pubblici nelle ricchezze e negli onori” (e questi ultimi, aggiungiamo, non li pesca mai nessuno).

  7. l’amico armando? bah…adesso vogliamo pure difenderlo?

  8. Ma che tanto parlate voi vi fate mettere ————– per 10 euroo e poi dite zingari con macchine di lusso noi celo possiamo permettere voi fate i cessi invidiosi andatevi a vedere le cone vostre che nn si assume Quante corne avete noi vi ———— come abbiamo sempre fatto Pero nn devo mai vedervi perche se vi vedo vi. Stermino fino alle settima generazzione

  9. Ciao a tutti auguro una presta liberta ad armando cmq a tutti vuoi anche se so che siete tuttipaesani di armando siete tutti delle annullita voi che ci mangiate e bevete prima in sieme xme e un fratello nell vero senzo della parola una amicizia cs ppuò servire no come voi che vi nascondete fatevi avanti date i vostri nomi e cognomi alla fam. Spada se avete i coglioni. —————————— e poi Quelli che chiamate ZINGARI SONO PIU ITALIANI DI TUTTI NOI SN 200 ANNI CHE SN IN ITALIA CNQ UN ABRACCIO A LA FAM. CIAO

  10. Cugi stat senza pnzier stai nella tua casa mangi e bevi nun i pnza a sti 4 zuzzus ca s mettn appaur e mettr nom e cognom quando vedete noi abbassate la testa Ermy e capit ciao cugino tvb

  11. imparate a scrivere…poi parlate…

  12. Cara Cristina,è proprio ridicolo che ti metta a difendere certa gente…Se ancora non lo sai lo spaccio di banconote false è un reato punito con la galera in Italia,perciò se non vi conviene potete anche espatriare,nessuno vi trattiene…Piuttosto tu,che sei ancora in tempo,lascia perdere certi esempi ed impegnati nello studio e nel seguire la strada diritta,così un domani potrai VERAMENTE camminare a testa alta!

  13. Anna rossi stiamo parlando dell 206 era un bambino okey madness mi vuoi insegnare tu a scrivere ho non hai il coraggio di farti vedere e ciao a tutti e cmq mio cugino sta molto molto bene grazie ansi mangia il doppio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.