Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Scuola e pubblica amminsitrazione, lo scacco matto dei ratti. La Garabaldi chiusa per 9 giorni. Una vergogna

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

ratti

VAIRANO PATENORA – Dallo scorso 20 ottobre la scuola elementare e quella dell’infanzia di Vairano Scalo è chiusa, riaprirà il prossimo mercoledì, se tutto andrà bene. Ratti permettendo.  Insomma 9 giorni potrebbero non bastare per “eliminare” dei semplici ratti dalle aule della struttura. Così chi amministra la cosa pubblica in paese non fa certo una bella figura mostrandosi probabilmente più incline allo scarica barile che alla vera soluzione dei problemi.
Tutto parte lo scorso 20 ottobre quando le mamme notano gli scrementi di ratti sui banchi e ritirano i bambini. Scatta una “lotta senza quartiere” contro un “esercito inferocito” di ratti. Ma ogni mattina le “tracce” dei ratti sono sempre al loro posto: sui banchi delle aule. Le mamme sono ferme: i nostri figli non entraranno in quelle classi.
Questa mattina i tecnici dell’Asl hanno effettuato il sopralluogo  riscontrando che persiste la presenza di escrementi di ratti, per cui è stata richiesta la chiusura dei plessi scolastici della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria in questione provvedendo ad un intervento immediato di derattizzazione. Per questa ragione il sindaco bartolomeo Cantelmo, inflissebile nella lotta contro i ratti, ha deciso di la chiusura dei plessi scolastici della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo ” G. GARIBALDI” di Vairano Scalo per altri giorni 2 a partire dal 27 ottobre c.a. e fino al 28 ottobre.
Ma la domanda in molti genitori, nasce spontanea: in tutti questi giorni cosa è stato fatto? La derattizzazione non poteva scattare immediatamente? Se è stata fatta, è stata fatta rispettando i protocolli? Perchè l’Asl arriva 4 giorni dopo la manifestazione del problema?
Di certo c’è solo la presenza dei ratti (anzi della loro cacca) che  di andarsene da quella scuola, proprio non ne vogliono sapere. L’altra certezza è rappresentata dall’inefficienza mostrata da chi gestisce la cosa pubblica di fronte ad un problema, apparentemente così semplice ma che in realtà si sta trasformando in una caporetto per il governo vairanese.

L’IDEA DI GIAMPIERO MARTONE:

Controllo delle condizioni igienico sanitarie del cantiere scolastico di via Cadorna:

Gentilissimo Sindaco, dopo i fatti successi in questi giorni nelle scuole Elementare e Materna di Vairano Scalo, di conseguenza chiuse con l’emissione di vostre giuste Ordinanze Sindacali, si prefigura opportuno un controllo mirato all’ interno della adiacente Scuola Media di Vairano Scalo, allo scopo di verificare lo stato igienico sanitario in conseguenza dei lavori non ultimati. Non va sottovalutata,in proposito, l’ ipotesi che i ratti, di ogni dimensione, possano giungere da quel plesso confinante. Mi è di dovere ricordare in proposito, che il Sindaco è la massima Autorità Sanitaria locale, nel potere di emanare, ai sensi dell’art. 32 della legge n. 833/1978 e dell’art. 117 del D.Lgs. n. 112/1998, Ordinanze Contingibili ed Urgenti, con efficacia estesa a tutto il territorio comunale, in caso di emergenze sanitarie e di igiene pubblica. Detto Potere di Legge vi consente di ordinare il controllo interno ai locali dove sono stati sospesi i lavori e nulla osta qualsiasi problema legale insorto con la Ditta appaltatrice che ha abbandonato il cantiere.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Capua – Maltrattamenti in famiglia, 2 arresti in 3 giorni: il brutto record di Tarallo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Capua –  Nuove accuse a carico di Nicola Tarallo, per fatti avvenuti alcuni mesi fa …

un commento

  1. Ma chi è l’assessore alla pubblica istruzione ne è consapevole di questa situazione? mi domando da cittadino che cosa ha prodotto o fatto tale rappresentante? Fino ad oggi sia con il problema della Scuola Media Broccoli , sia con il plesso di Marzanello sia con il Plesso di Via Leonardo da Vinci, non ha mosso un dito o detto una parola. Ma al momento della candidatura era consapevole di essere, in caso di elezione, una rappresentante dei cittadini?. roba da matti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.