Ultim'ora

CASAPESENNA – Camorra, estorsione per mantenere le famiglie dei carcerati: tre arresti

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

dda-1

CASAPESENNA – Nelle prime ore della mattinata odierna, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Casal di Principe hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, con la misura coercitiva del carcere, emessa dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Napoli, nei confronti dei seguenti 3 (tre) indagati, gravemente indiziati, a vario titolo, cii estorsione aggravata dal metodo mafioso:

–       FONTANA Michele, alias ” sceriffo”, classe 1970;

–       FONTANA Michele, alias “puzzillo”, classe 1971;

–       NOBIS Raffaele, alias “scintilla”, classe 1966.

Nel caso specifico viene contestata agli indagati un’estorsione commessa tra il 2009 e il 2010 ai danni di un imprenditore – titolare di un’azienda agricola, il quale, poiché impegnato nelle trattative relative all’acquisto di un fondo, veniva obbligato a versare la somma di 5.000 euro destinata alle famiglia dei carcerati di Casapesenna. La ricostruzione dell’episodio estorsivo rientra in una più ampia attività investigativa, avviata nel gennaio del 2013, che ha permesso di ricostruire numerosi episodi estorsivi commessi dal 2008 al 2010, per conto del clan dei casalesi fazione Zagaria, ai danni di imprenditori e commercianti della provincia di Caserta. Le richieste di “pizzo” venivano spesso rateizzate nel corso dell’anno con importi che variavano dai 3.000 ai 5.000 euro. Gli affiliati esercitavano un controllo capillare del territorio, venendo a conoscenza tempestivamente di ogni movimento economico degli imprenditori, per esempio l’acquisto di un terreno, ma anche di appalti pubblici e lavori privati eseguiti nella regione, formulando immediatamente la richiesta di denaro. Le misure cautelari seguono altri analoghi provvedimenti restrittivi eseguiti il 4 luglio 2014 (8 affiliati tratti in arresto) e il 28 gennaio 2014 (5 affiliati tratti in arresto), in cui venivano contestati altri episodi estorsivi al medesimo sodalizio criminale; tra i destinatari del provvedimento del 28 gennaio vi era anche Michele ZAGARIA, all’epoca capo dell’omonima fazione e ritenuto il mandante dell’attività delittuosa.  Nel corso dell’attività di indagine si è registrata la collaborazione di diversi imprenditori che hanno acquistato fiducia nelle Istituzioni, iniziando a denunciare gli episodi di cui erano stati vittime.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

DRAGONI / ALIFE – INSEGNANTE STRONCATA DAL MALE DEL SECOLO, DUE COMUNITÀ IN LUTTO

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / ALIFE – Ha perso la sua battaglia contro il cancro Ilaria Farina, insegnante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.