Ultim'ora

PIETRAVAIRANO / FRANCOLISE – Peculato, arrestato Piccoli: si sarebbe impossessato di somme destinate al municipio

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

pietravairano-comune

PIETRAVAIRANO / FRANCOLISE – Nella mattinata odierna, il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta, nell’ambito di una complessa ed articolata attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di Piccoli Vincenzo, indagato per il reato di peculato in qualità di procuratore e amministratore di fatto della Gosaf S.p.a., società di riscossione con sede nella provincia sannita, nonché ad un decreto di sequestro preventivo della società e di somme di denaro e beni per oltre un milione di euro, emessi dal locale Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari.  Già lo scorso luglio era stato operato dai finanzieri il sequestro preventivo di circa 800.000 mila euro nei confronti della Gosaf e dei suoi amministratori, in quanto era stato accertato che questi ultimi si erano indebitamente appropriati di una consistente parte delle somme riscosse per conto di alcuni comuni della provincia di Caserta (Arienzo, Francolise, Pietravairano e San Marcellino), per i quali la società svolgeva il servizio di riscossione dei tributi locali relativi alla TARSU ed alla TIA, non versandole, come previsto dalla normativa regionale di settore, alla Provincia. In particolare, per le operazioni di riversamento all’Ente  titolare della somme incassate, erano stati utilizzati conti correnti diversi da quelli serventi alla riscossione dei citati tributi. In tal modo, l’amministratore ed il procuratore della società avevano potuto utilizzare impropriamente le somme introitate versandole su conti correnti svincolati da qualsiasi controllo da parte degli enti creditori ovvero i comuni titolari dei ruoli.
Le indagini condotte dai militari del Nucleo sono, quindi, proseguite considerato anche che la Gosaf effettua il servizio di riscossione per oltre 50 comuni italiani, tra Campania, Lazio, Molise, Basilicata e Calabria, consentendo l’individuazione di ulteriori condotte appropriative in danno di un altro ente locale. Infatti, dalla capillare disamina dei conti correnti, è emerso che la società di riscossione, nella persona di Piccoli Vincenzo, in qualità di tesoriere del Comune di Paolisi, aveva disposto, dal conto corrente comunale su cui aveva delega ad operare, l’emissione di assegni circolari e di bonifici, per complessivi € 1.053.414,01, a favore della stessa Gosaf, senza alcuna giustificazione o causale, utilizzando un mutuo concesso dalla Cassa Depositi e Prestiti – nell’ambito del ed. “decreto sblocca debiti” (D.L. n. 35/2013) – per un’anticipazione di liquidità per il pagamento di debiti verso terzi. Peraltro, sul relativo ordinativo di incasso (ed. “reversale”), veniva impropriamente indicata la destinazione “libera” di tali fondi che, in realtà, hanno una natura vincolata e dovevano servire al Comune per pagare i debiti certi, liquidi ed esigibili maturati fino al 31.12.2012. In tale maniera, è stato possibile sottrarli alle casse dell’Ente per essere indebitamente accreditati sul conto corrente della società di riscossione e destinati ad altre finalità. Tra le varie operazioni rilevate sul conto corrente di tesoreria del comune sannita, l’emissione di assegni circolari – sempre a favore della Gosaf – per un importo complessivo pari ad euro 207.200, che, solo grazie all’immediato intervento dei finanzieri, venivano prontamente annullate mediante il sequestro dei titoli. Tenuto conto che le condotte appropriative sono reiterate e sono state poste in essere da parte di Piccoli mediante la società di riscossione e che, attraverso quest’ultima, l’indagato continuava ad avere la disponibilità di ingenti somme di denaro per conto di vari enti pubblici, il Gip presso il Tribunale di Benevento ne ha disposto l’arresto ed ha ordinato il contestuale sequestro preventivo di tutti i beni aziendali, mobili ed immobili, materiali ed immateriali organizzati per l’esercizio dell’impresa e delle quote societarie, nonché del profitto del reato di peculato ai danni del Comune di Paolisi pari ad € 1.053.414,01. Per non pregiudicare ulteriormente la prosecuzione dell’attività aziendale, è stato nominato un amministratore giudiziario. L’attività oggi diretta da questa Autorità Giudiziaria e condotta dai finanzieri del Comando Provinciale di Caserta evidenzia ancora una volta l’attenzione delle Istituzioni al corretto impiego di denaro pubblico.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

DRAGONI / ALIFE – INSEGNANTE STRONCATA DAL MALE DEL SECOLO, DUE COMUNITÀ IN LUTTO

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / ALIFE – Ha perso la sua battaglia contro il cancro Ilaria Farina, insegnante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.