Ultim'ora

SESSA AURUNCA – Fruizione della cultura, pronta la nuova biblioteca comunale

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

sessa-CASTELLO sessa-italo-calenzo

SESSA AURUNCA (di Fernanda Esposito) – L’Amministrazione Comunale di Sessa Aurunca, guidata dal Sindaco Luigi Tommasino, consegna alla città uno spazio innovativo dedicato alla fruizione della cultura: la nuova Biblioteca Comunale, intitolata a quello che è il più illustre personaggio storico della città, Gaius Lucilius poeta romano iniziatore della satira. Venerdì 10 ottobre, alle ore 18.00, presso il Castello ducale si terrà l’inaugurazione.  In un periodo di crisi economica e di difficoltà per i bilanci comunali, Sessa Aurunca ha messo in atto una scelta coraggiosa e inaugura un altro vivace contenitore di attività culturali, di formazione, di aggregazione sociale: un segnale chiaro, forte, che indica che per Sessa A. la cultura, l’educazione, la conoscenza del territorio sono valori fondamentali. Autore della lodevole scelta è il vulcanico assessore alla cultura e turismo Italo  Calenzo, che lavora a questo progetto culturale da ben due anni, riuscendo a ridar vita ad una struttura avviata nel lontano 1988 dall’allora sindaco A. Gonzales ma di fatto mai operativa. Oggi la nuova Biblioteca è una realtà: sarà aperta tre volte a settimana e gestita dalla Polidoro, società che ne ha curato l’allestimento grazie al dott. Roberto Sasso; si estende su 150mq, in due sale nel cortile interno al castello. Dispone, al momento, di circa 1.500 volumi; di 20 posti di lettura; di spazi dedicati all’accesso a Internet; in tutta l’area c’è il collegamento wi-fi gratuito e un vasto spazio è interamente dedicato agli incontri e dibattiti. Ma la biblioteca Gaius Lucilius vuole essere anche altro: intende organizzare presentazioni di libri e piccole esposizioni documentarie, dialogare col mondo delle scuole, interagire con le istituzioni culturali della città, essere un punto di scambio di informazioni e molto, molto altro ancora.
Nei piani dell’Amministrazione, la Biblioteca, dunque, è destinata a ricoprire un ruolo strategico per lo sviluppo socio-culturale della comunità, non a caso la sua naturale sistemazione nel prestigioso Palazzo ducale, già sede del Museo archeologico e ben presto sede del Museo Multimediale e civico, nonché dell’Archivio Comunale e Notarile. La biblioteca Gaius Lucilius segna, dunque, un passo in avanti nel recupero e nella riqualificazione del Castello ducale interessato da tempo da lavori di restauro conservativo, riqualificazione ed efficientamento energetico. Ad oggi risultano completati i primi tre lotti del progetto previsto e grazie  all’ultima tranche dei fondi regionali assegnati, € 1,963,000, verrà realizzato l’ultimo lotto, ovvero, il secondo piano e il giardino del Castello. Il termine dei lavori è previsto per il 31 dicembre 2015. Soddisfatto Calenzo che ha affermato: “E’ una gioia oggi questo traguardo! Il Castello ducale nuovo polo culturale, con la nuova Biblioteca e il Museo, strumenti per dare valore al nostro territorio. La cultura è sviluppo, per un’economia turistica e dei servizi in grado di stimolare nuove iniziative imprenditoriali e di conferire un’ulteriore splendida immagine alla nostra città”. Per questo tutti sono invitati a frequentare la biblioteca, a utilizzarla, a venirci con figli, amici, parenti, a farne un punto di passaggio della propria vita quotidiana, a testare le opportunità che offre, a usufruire dei servizi divenendo soggetti culturalmente attivi e protagonisti dello sviluppo della comunità.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Vairano Patenora – Coronavirus, contagiato bimbo di un asilo: scattala l’isolamento per l’intera classe

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Vairano Patenora – Un bimbo che frequenta un asilo (una struttura privata del paese) è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.