Ultim'ora

TEANO / VAIRANO PATENORA – “Scacco alla realtà” la prima di Teatri d’anima

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

TEANO-AUDITORIUM

TEANO / VAIRANO PATENORA- È decollato anche quest’anno il Festival dei Teatri d’anima (IV edizione), che renderà certamente più bello il mese di ottobre 2014, sottraendolo alla monotonia che caratterizza molti periodi della nostra vita.  Una sfida culturale rilanciata con profonda motivazione dal Vescovo Arturo, dal direttore artistico Angelo Maiello e dal responsabile della pastorale giovanile della nostra diocesi don Vitaliano Mandara. La cultura non deve ridursi a una semplice conoscenza di nozioni, fatti e persone. Deve tradursi piuttosto in sapienza di vita, attraverso una scelta consapevole di comportamenti che sollevino l’uomo oltre i limiti della propria condizione creaturale. Così, sabato 4 ottobre, presso l’Auditorium parrocchiale di Vairano Scalo, si è svolto il primo spettacolo in programma. Eleonora Fardella, Jole Mariniello e Valentina Martiniello, con la regia di Rocco di Santi, hanno messo in scena “Scacco alla realtà”, libero adattamento da “Alice nel paese delle meraviglie”, opera nota per l’immaginazione fuori dal comune e per il linguaggio ricco di paradossi, assurdità e nonsensi, almeno all’apparenza. Da persona appassionata di teatro, ho avuto modo di apprezzare la grande competenza delle tre interpreti, l’ottima dizione, il ritmo della recitazione, il sincronismo perfetto tra battute, luci e musiche. Un po’ difficile, forse, ricostruire la trama; del resto, è noto che alcuni contenuti vengano volutamente affidati all’   “evocazione” mediante frasi poetiche o ironiche. Ciò rende lo spettatore libero di dare compiutezza al messaggio, recepito in maniera diversa, a seconda della finestra dell’anima da cui ci si affaccia per ammirare il miracolo dell’arte. È stato bello, in ogni caso, lasciarsi trasportare da Alice e dai suoi stravaganti compagni d’avventura, nel mondo della fantasia, dal quale a volte si può osservare meglio e conoscere più a fondo la realtà che ci circonda. L’importante, naturalmente, è svegliarsi dal sonno, non per rinunciare al fascino della dimensione onirica, ma per cominciare a giocare da protagonisti la partita a scacchi della vita, trasformando in risorsa l’esperienza dei fallimenti e lodando Dio per le opportunità di crescita che ci offre continuamente, anche nei giorni di non-compleanno. (Carmen Melese)

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Fc Matese, difesa debole: verso il ritorno di Albanese

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Il difensore centrale, Rino Albanese, una delle colonne che lo scorso anno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.