Ultim'ora

ALVIGNANO – Appalti e botte, la vittoria di Romano

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

ALVIGNANO – Un imprenditore tenta di corrempere un assessore: “Se non mi fate lavorare vi faccio vedere che succede, banda di infami”. La reazione dell’amministratore è però violenta: “ti devo ammazzare di botte” e l’imprenditore deve ricorrere anche alle cure mediche.  Scattano le denunce incrociate che portano i due protagonisti della vicenda danvanti al giudice. I fatti nell’ottobre del 2005 videro contrapposti l’imprenditore Roberto Civitillo e l’ex assessore Sergio Romano. Nel processo di primo grado, davanti al giudice di pace di Piedimonte Matese, seppur con motivazioni diverse, vengono entrambi condannati. Romano però non ci sta e proprone ricorso alla Cassazione – attraverso l’avvocato Vincenzo Cortellessa e Renato Jappelli.  I giudici della suprema corte danno credito – attreverso la sentenza emessa meno di un mese fa – alla tesi difensiva proposta in favore di Romano e cancellano la condanna inflitta dal giudice di Piedimonte Matese, aprendo anche la possibilità per l’ex amministratore di chiedere, in sede civile, la quantificazione dei danni morali e materiali subiti.  Si chiude così una vicenda molto seguita in paese.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina / Teano –  Rapinano un anziano, due fidanzati davanti al giudice: ecco l’accusa contro la coppia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Roccamonfina / Teano – Saranno, domani, davanti al giudice per il necessario interrogatorio di garanzia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.