Ultim'ora

PIETRAMELARA – Delitto Saviano, arrivano i Ris di Roma, 12 ore di lavoro nella casa del terrore

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

PIETRAMELARA – Delitto Saviano, arrivano gli specialisti del Ris di Roma. I militari del reparto scientifico hanno lavorato, ieri, per molte ore. Gli esperti capitolini hanno setacciato l’intera abitazione dove fu ucciso Antonio Saviano, lo scorso sabato notte, durante un tentativo di rapina. Si cercano impronte digitali e tracce biologiche degli assassini. Anche il perimetro esterno della casa di Antonio è stato esplorato in ogni punto.
Oltre ai carabinieri del Ris di Roma hanno lavorato i militari dell’arma del reparto scientifico del comando provinciale di Caserta e i carabinieri della locale stazione. La speranza è quella di scoprire tracce importanti capaci di indirizzare le indagini nella giusta direzione. Magari impronte digitali riconducibili a pregiudicati. Saviano sarebbe stato ucciso con un colpo alla testa, probabilmente sferrato con un corpo contundente trovato stesso nella casa.  Lo avrebbero stabilito i medici legali durante l’autopsia che  è stata eseguita pochi giorni fa presso il centro di Caserta.
Il particolare sarebbe stato riferito da molte voci raccolte in paese. Un dettaglio che aggiunge rabbia al dolore e incredulità per l’azione criminale di coloro che hanno agito – con violenza inaudita – contro un anziano inerme. Probabilmente i medici avrebbero individuato nella ferita sulla testa del 75enne la principale causa della morte dell’uomo. Intanto le indagini, condotte, dai carabinieri, continuano per tentare di risalire agli autori del delitto. Si tenta di ricostruire gli incassi che Antonio – per conto dell’assicurazione Sai – aveva fatto nei giorni precedenti.  Gli inquirenti tentano di scavare nelle relazioni dell’anziano con amici e parenti per poter trovare indizi capaci di individuare la pista giusta.  Chi ha agito, quella notte, è chiaro che conosceva bene le abitudini del 75enne e pensava di poter trovare un buon bottino.  Sapeva che il fornaio era chiuso e che le case  pià vicine erano vuote. L’attività degli investigatori sembra essere orientata, fra le altre cose,  a scoprire l’eventuale basista che avrebbe potuto fornire indizi utili alla banda di criminali entrata in azione nella notte a cavalo fra sabato e domenica scorsa. I carabinieri  hanno ascoltato parenti, vicini di casa e amici del 75enne. Si tenta dii ricostruire la vita dell’uomo e le ultime ore di vita per poter scoprire qualche indizio utile alle indagini. Secondo alcune indiscrezioni raccolte sul posto  sarebbero state rinvenute, intorno alla casa anche le impronte di una scarpa femminile. Antonio è stato ucciso legato, imbavagliato e picchiato nella sua casa. L’ultima volta è stato visto, nella zona centrale di Pietramelara, sabato sera intorno alle ore 19e30. A ritrovarlo, ieri, domenica, alle ore 13e30 è stato il nipote, Franco.
Dovevano pranzare insieme e il ritardo di Antonio ha insospettito il nipote. Franco, dopo aver chiuso l’attività commerciale che gestisce nel centro del paese, si è recato a casa dello zio. Appena ha scorto il portone della villa semiaperto e scheggiato dall’azione dei malviventi, ha intuito il potenziale dramma. Pochi istanti dopo la terribile conferma. La pista che porta alla banda di stranieri, forse romeni, sembra essere una delle ipotesi che gli investigatori seguirebbero con più attenzione. Intanto, con il passare dei giorni, spuntano nuovi particolari. Pochi gironi prima di quel drammatica sabato notte, qualcuno aveva mandato in frantumi il vetro di una delle finestre dell’abitazione di Antonio Saviano.
Potrebbe essere stata la classica bravata di qualche monello, oppure il tentativo fallito di qualcuno che voleva introdursi nella casa di via Sanniti. Anche su questo dettaglio stanno lavorando i carabinieri della  compagnia di Capua.  L’attività degli investigatori sembra essere orientata, fra le altre cose,  a scoprire l’eventuale basista che avrebbe potuto fornire indizi utili alla banda di criminali entrata in azione nella notte a cavalo fra sabato e domenica scorsa.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Attualità: uomini, fatti e opinioni – Stasera parliamo con Lombardi (sindaco di Calvi Risorta) e Martiello (sindaco di Sparanise). Segui la diretta

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Questa sera alle ore 20, andrà in onda la 30esima puntata del programma: “Attualità: uomini, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.