Ultim'ora

CASERTA – Terra avvelenata dalla camorra, Schiavone:in alcuni paesi del casertano moriranno tutti di cranco entro venti anni

CASERTA – Una macabra profezione di Schiavone: entro venti anni gli abitanti di numerosi comuni del Casertano “rischiano di morire tutti di cancro” a causa dei rifiuti interrati in quel territorio. E nominògli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno, tra gli altri. Ma la camorra quando decise di avvelenare la gente di quelle terre? Il business criminale fu “autorizzato” per il clan dei Casalesi nel 1990. “Tuttavia – riferì Schiavone – quel traffico veniva già attuato in precedenza”.   Così, il pentito del clan dei Casalesi, Carmine Schiavone, nel corso dell’audizione dell’ottobre del 1997 davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo di rifiuti. Verbali che solo oggi sono diventati pubblici dopo la rimozione del segreto.
Riferendosi al traffico illegale di rifiuti nocivi, Schiavone spiega che divenne un business «autorizzato» per il clan dei Casalesi nel 1990. «Tuttavia – riferì il pentito – quel traffico veniva già attuato in precedenza. Gli abitanti dei paesi rischiano tutti di morire di cancro entro 20 anni; non credo infatti che si salveranno: gli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno e così via, avranno, forse, venti anni di vita».
Fruttava almeno 600-700 milioni di lire al mese lo smaltimento dei rifiuti, al clan dei Casalesi, che, nel 1990, decide di versare i soldi frutto di questo business nel cassa comune della cosca. Lo disse il pentito Carmine Schiavone, nel corso dell’audizione dell’ottobre del 1997 davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo di rifiuti. Verbali che solo oggi sono diventati pubblici dopo la rimozione del segreto.
Il business, fino a quel momento, avveniva di soppiatto all’interno del clan e, a scoprirlo, fu proprio Carmine Schiavone.
«All’epoca tenevo ancora il relativo registro, – disse Carmine Schiavone alla Commissione – in cui figurava che, per l’immondizia, entravano 100 milioni al mese, mentre poi mi sono reso conto che in realtà il profitto era di almeno 600-700 milioni».

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Roccamonfina – “Guerra” delle castagne, la rappresaglia dei proprietari: spaccati i finestrini delle auto in sosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.