Ultim'ora

PIEDIMONTE MATESE – Gisec, i sindaci “ribelli” non cedono

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

PIEDIMONTE MATESE –  L’incontro  in provincia fra “sindaci ribelli” presidente Domenico Zinzi e vertici della Gisec, non ha prodotto alcun risultato. Tutti restano sulle proprie posizioni e i sidnaci confermano: non cederemo mai.  Venticinque  primi cittadini sottoscrivono un documento di protesta contro la decisione della provincia.  In loro soccorso arrivano i consiglieri provinciali di minoranza che invitano il presidente Zinzi a sospendere le attività di sottoscrizione dei mandati d’incasso, rinviando ogni determinazione all’esito di una conferenza aperta a tutti: sindaci, consiglieri provinciali e rappresentanti  Gisec.  I “ribelli” sostengono che non si può sottoscrivere l’atto di delega – nel quale  i Comuni si impegnano a trasferire l’intero importo derivante dalla riscossione della Tarsu/Tia – senza conoscere il piano di attuazione  reale  con cui la Gisec intenderebbe svolgere il servizio nei singoli Comuni. I sindaci di 25 comuni ritengono fuori da ogni logica di pianificazione territoriale l’applicazione di una tariffa unica provinciale che accomuna i grandi agglomerati urbani  ai piccoli comuni dell’entroterra casertano. La preoccupazione più forte  dei sindaci è che non esiste garanzia di mantenimento dell’aliquota di raccolta % oggi effettivamente ottenuta dagli stessi comuni.  Ai sindaci non va giù che mentre da un lato si chiede la sottoscrizione dell’atto di delega tra enti, “nello spirito di leale collaborazione che deve necessariamente connotare i rapporto fra soggetti istituzionali”, la Gisec ha l’unico scopo di incassare la Tarsu senza assumere obbligo alcuno nei confronti dei comuni stessi.  In assenza di un vertice nel quale discutere della questione i comuni sottoscrittori del documento – Caianello, Conca della Campania,  Galluccio, Marzano Appio,  Mignano Monte Lungo, Presenzano, Rocca D’Evandro, Roccamonfina, San Pietro Infine, Tora e Piccilli, Ailano, Alife, Capriati a Volturno, Castello del Matese, Ciorlano, Fontegreca, Gallo Matese, Letino, Prata Sannita, Pratella,  Raviscanina, San Gregorio Matese, San Potito Sannitico, Sant’Angelo d’Alife, Valle Agricola – attueranno ogni iniziativa necessarie per la corretta gestione dell’intero ciclo dei rifiuti nell’intero territorio.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Castel Volturno – Municipio, il Sindaco Petrella si dimette: “Non ci sono le condizioni”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Castel Volturno – Il sindaco di Castel Volturno, Luigi Petrella, ha annunciato di lasciare la …

un commento

  1. chi paga avanti e’ mal mservito….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.