Ultim'ora

Cellole – Cellole è comune “amico delle tartarughe” da due anni

Cellole (di Tommasina Casale) – Da due anni a questa parte, il comune di Cellole si è guadagnato la prestigiosa etichetta di “comune smico delle tartarughe”. Questo riconoscimento è il frutto di un intenso lavoro e di una collaborazione fruttuosa con la stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli e l’associazione Domizia, con l’obiettivo di preservare le tartarughe marine “Caretta Caretta” che popolano il litorale domizio. Nel frattempo, il sindaco di Sessa Aurunca, Lorenzo Di Iorio, ha colto l’occasione per pubblicizzare trionfalmente il ricevimento della stessa bandiera per il suo comune, descrivendolo come l’evento dell’anno. Evidentemente, niente scalda il cuore più di un pezzo di stoffa con una tartaruga sopra, soprattutto quando si tratta di mettersi in competizione con i vicini. Questo annuncio è stato visto da molti come una risposta alla conquista della bandiera blu da parte di Cellole, un riconoscimento che attesta la qualità delle sue spiagge e delle acque di balneazione. Insomma, una vera e propria battaglia a colpi di riconoscimenti ecologici. Due anni fa, Cellole ha stipulato un protocollo di intesa con la Stazione Zoologica Anton Dohrn e l’Associazione Domizia. Questo accordo è stato fondamentale per l’implementazione di misure concrete volte alla protezione delle tartarughe Caretta Caretta, che negli ultimi anni sono state avvistate sempre più frequentemente lungo il litorale domizio. L’assessore al turismo di Cellole, Giuseppe Ponticelli, ha giocato un ruolo chiave in questo processo. Sin dall’inizio del suo mandato, Ponticelli ha attivato tutte le procedure necessarie per la conservazione di queste specie di tartarughe in via di estinzione. Grazie al suo impegno, sono state messe in atto numerose iniziative di sensibilizzazione e progetti di tutela ambientale, che hanno contribuito a creare un habitat sicuro e protetto per questi preziosi animali.

Il riconoscimento di “Comune Amico delle Tartarughe” rappresenta un importante traguardo per Cellole, ma anche un punto di partenza per future iniziative di conservazione. La collaborazione con istituzioni scientifiche e associazioni locali continuerà a essere centrale per la tutela delle tartarughe marine. Inoltre, l’attenzione alle tematiche ambientali e la promozione di un turismo sostenibile resteranno priorità assolute per l’amministrazione comunale. Quindi, mentre Sessa Aurunca celebra il suo recente riconoscimento con l’entusiasmo di chi ha appena scoperto l’acqua calda, Cellole può guardare con orgoglio ai risultati ottenuti e alla strada tracciata per un futuro più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

Guarda anche

Furti e lavoro in nero, individuata l’azienda agricola “ladra”

Caserta – L’ l’Ispettorato Nazionale del Lavoro e l’Istituto Nazionale Previdenza Sociale hanno effettuato un …