Ultim'ora

Cosa sono le indagini a campione e a cosa servono

Hai mai sentito parlare delle indagini a campione? Si tratta di uno strumento decisamente molto utile per svolgere delle accurate ricerche sul pubblico. Le aziende possono usare le indagini a campione per le ricerche di mercato, ma si possono applicare anche in altri ambiti non collegati all’economia. Basta pensare ai classici sondaggi politici che si fanno in prossimità delle elezioni.

L’obiettivo principale di queste indagini è quello di raccogliere dati. In questo articolo cercheremo di capire insieme di più su come si strutturano le indagini di mercato e su come si possono raccogliere e catalogare i dati così ottenuti. Scopri i servizi outbound proposti da Accueil per saperne di più su questo ambito e sui professionisti che offrono questo genere di lavoro.

Indagini a campione: aspetti principali

Per prima cosa bisogna definire cosa si intende per “indagine a campione”. Il campione è una piccola parte di una popolazione, una sorta di sottogruppo. I partecipanti all’indagine non sono casuali, ma vengono selezionati per rispondere a specifiche caratteristiche, così da rispecchiare la suddivisione generale della popolazione in base all’età, all’istruzione, al lavoro e ad altri aspetti.

Si dà per buono che i risultati ottenuti possano essere riferiti non solo al campione, ma anche al resto della popolazione (con una certa dose di approssimazione, ovviamente).

Le applicazioni delle indagini a campione

Le indagini a campione possono essere applicate in vari ambiti. Se sei un imprenditore ovviamente il tuo interesse è l’uso di questo metodo per migliorare la produttività e i risultati della propria azienda. A tal proposito le indagini a campione possono essere molto utili, poiché permettono di realizzare delle ricerche di mercato dettagliate e approfondite. A seconda dei risultati emersi si può capire cosa migliorare o se effettivamente portare sul mercato nuovi prodotti o servizi.

Giornali, televisioni e anche partiti politici possono affidare delle indagini a campione per scoprire quali sono le opinioni del pubblico e in che modo si sta orientando la cittadinanza in vista delle elezioni.

Anche in ambito accademico si possono ottenere dei validi risultati. Chi sta studiando delle nuove ipotesi e teorie potrebbe aver bisogno di dati empirici per dimostrare la fondatezza delle proprie ricerche.

Infine citiamo le indagini demografiche, che spesso vengono affidate dagli enti pubblici con lo scopo di analizzare quali sono i principali aspetti da tener conto riguardo all’evoluzione della popolazione. Tramite i report di queste indagini si possono programmare dei precisi interventi politici.

I pregi delle indagini a campione

Probabilmente ti starai chiedendo quali sono i principali pregi delle indagini a campione. Iniziamo subito dal dire che si tratta di un sistema che permette di risparmiare molto: intervistare un campione è molto più semplice e meno dispendioso di coinvolgere l’intera popolazione. Inoltre è un sistema più rapido e efficiente, perché si impiega solitamente poco tempo per contattare e raccogliere i dati dell’intero campione. Anche i dati, essendo in minore quantità, risultano più semplici da studiare.

Occhio alla selezione del campione. Va scelto con molta attenzione chi verrà intervistato, per evitare che il campione possa essere sbilanciato e poco rappresentativo della popolazione di proprio interesse.

Guarda anche

Santa Maria a Vico – Piromane beccato dopo giorni di ricerche, necessario il trasporto in ospedale

Santa Maria a Vico – Un uomo 55enne di Santa Maria a Vico, autore degli …