Ultim'ora

CAIANELLO – Consiglio comunale, Lonardo attacca De Fusco

Caianello – Il 26 giugno si è tenuto il consiglio di insediamento della nuova Amministrazione Comunale di Caianello, durante il quale il Sindaco ha reso noti i nomi dei componenti della Giunta e cioè  il consigliere eletto Luigi De Fusco e Milena Savastano nominata dal Sindaco quale assessore esterno. Al consigliere e assessore Luigi De Fusco è stata affidata anche la carica di vicesindaco.  Sicuramente molti ricorderanno il “saluto” che  Luigi De Fusco ha rivolto ai suoi avversarsi politici, durante i festeggiamenti per la vittoria elettorale, un gesto, ( quello dell’ombrello) che ha suscitato disapprovazione e sdegno in tanti, soprattutto perché a rivolgerlo era proprio un neo eletto amministratore comunale. A tal proposito, il consigliere Andrea Lonardo, durante il consiglio, è intervenuto rivolgendo una severa critica al neo vicesindaco per tali comportamenti. Soffermandosi sul dettato dell’art. 54  della Costituzione Italiana secondo il quale “Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.  I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”, ha citato il pensiero di Renato Rordorf,  Presidente Aggiunto della Suprema Corte di Cassazione. L’illustre magistrato commentando l’art. 54 della Costituzione afferma: “Quel che è importante è che per coloro i quali esercitano pubbliche funzioni, abbiano essi o meno dovuto prestare giuramento, la fedeltà alla Repubblica e l’obbligo di osservarne la Costituzione e le leggi assumono anche caratteri più specifici di quanto accade per gli altri cittadini, perché si traducono nel dovere di adempiere i propri compiti con disciplina ed onore…Sono termini – disciplina ed onore –  che esprimono bene la responsabilità che dovrebbe avvertire chi impersona una pubblica istituzione e la necessaria consapevolezza di come il modo in cui egli lo fa è inevitabilmente destinato a riflettersi sull’immagine che di quella medesima istituzione i cittadini percepiscono e ad incidere, perciò, sulla fiducia che dovrebbero potervi riporre e sul rispetto che le dovrebbero portare.
L’onore va qui inteso come reputazione e stima della quale il pubblico funzionario deve rendersi meritevole per non ledere l’immagine della pubblica amministrazione che egli impersona nei confronti dei terzi. E’ questa la ragione per la quale gli si richiede qualcosa di più della mera osservanza della Costituzione e delle leggi cui ogni cittadino è tenuto”. Con le autorevoli considerazioni del Dott. Renato Rordorf , il consigliere Lonardo ha ammonito il neo vicesindaco, sottolineando l’importanza della disciplina e dell’onore che il nuovo ruolo richiede e che non sono stati sicuramente ottemperati con i comportamenti tenuti durante i festeggiamenti per la vittoria elettorale, comportamenti compromettenti per l’immagine dell’amministrazione comunale. Il messaggio principale è stato chiaro: chi ricopre cariche pubbliche deve sempre mantenere un comportamento che garantisca il decoro e l’onore dell’Amministrazione Pubblica  che rappresenta. Luigi De Fusco, per il momento, non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito all’accaduto né il sindaco è intervenuto in tal senso, anzi, in barba ad ogni principio costituzionale gli ha affidato la più alta carica nell’Amministrazione Comunale dopo la sua. (nota a cura del consigliere Andrea Lonardo)

Guarda anche

TEANO – Appalti e corruzione nella sanità, Bove è libero. Il riesame revoca l’ordinanza cautelare

TEANO – I giudici del riesame di Catanzaro hanno revocato la misura cautelare imposta, circa …