Ultim'ora

Pietramelara – Nuova Caserma dei Carabinieri, l’atto di indirizzo definitivo

  • La storia siamo noi, nessuno si senta offeso … la storia siamo noi nessuno si senta escluso … la storia siamo noi Caro sindaco, care amiche ed amici dell’amministrazione, quando in quella torrida estate del 2018 siamo andati in regione Campania per scongiurare la revoca del finanziamento. In quel momento abbiamo riallacciato un proficuo dialogo con l’ente finanziatore ed allo stesso tempo abbiamo presentato delle integrazioni importanti che ci hanno reso ammissibili al finanziamento …
  • La storia siamo noi … questo rumore che rompe il silenzio, un silenzio così duro da masticare così come è duro da masticare il dolore delle madri, delle mogli, dei mariti, dei figli e delle famiglie dei carabinieri e delle forze dell’ordine che hanno sacrificato la propria vita per adempiere al dovere, per servire lo stato e soprattutto per permettere a tutti noi di essere qui, in questo momento, a discutere e a programmare il nostro futuro … Proprio per risaltare questo spirito di sacrificio abbiamo scelto di dedicare la caserma al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

“Dalla Chiesa parlava di legalità, di coesione, di fronte comune contro la criminalità, avversando – prima di ogni cosa a livello culturale – ogni forma di prevaricazione. […] Non c’è modo migliore per onorare la memoria del prefetto Carlo Alberto dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente scelto della Polizia di Stato Domenico Russo che proseguire nell’azione contro la mafia, non solo attraverso la repressione delle azioni criminali, ma anche con il recupero alla collettività dei beni provento di traffici illeciti, con la creazione di una cultura che favorisca la crescita di tessuti sociali sani, con una chiara risposta alla richiesta di sicurezza proveniente dalla società civile. Questo è un obbligo morale per tutti: ognuno è chiamato a fare la propria parte, all’interno delle famiglie, delle scuole, delle Istituzioni. L’esempio di Carlo Alberto dalla Chiesa indica con chiarezza quali sono le scelte da compiere quotidianamente per il bene del Paese, a tutela della libertà e della democrazia”.

  • Queste sono le parole del Ministro Matteo Piantedosi in occasione del quarantunesimo anniversario dell’attentato al Prefetto di Palermo.

 

  • Ma la storia non si ferma davanti al portone di casa tua … la storia da torto o ragione … siamo noi che abbiamo tutto da perdere o tutto da vincere … e poi la gente … perché è la gente che fa la storia quando si tratta di scegliere … e di andare … ecco la gente sa benissimo cosa fare … per noi la storia è per tutti … quelli che hanno letto milioni di libri … quelli che non sanno nemmeno parlare … la verità è che la storia è da brividi e non si può fermare …

 

  • E così con l’intento di valorizzare la nostra storia abbiamo agito nel pieno interesse dei nostri concittadini così come anche nell’interesse dei cittadini che vivono nei territori circostanti sovrintesi dalla Stazione dei carabinieri di Pietramelara.

 

  • Oggi definiamo un atto di indirizzo che responsabilizza il consiglio comunale ad adottare una scelta epocale che sicuramente scandirà il tempo delle generazioni presenti e future. Questo atto in consiglio vuole essere anche una grande testimonianza dell’amicizia che contraddistingue il comune di Pietramelara e l’Arma dei Carabinieri. Solo per sottolinearne alcuni aspetti ricordiamo che questo comune fu tra i primi in Italia ad intitolare una strada a Salvo D’Acquisto così come a Carlo Alberto Dalla Chiesa è stata intitolata una delle strade interne di via Jardino. Era sindaco Pasquale Di Fruscio quando in commissione toponomastica mi diede la possibilità di intitolare una strada del paese ai caduti di Nassirya e oltre alla casema di cui stiamo discutendo oggi, a breve sarà pronta un’altra caserma da consegnare ai carabinieri forestali… Alla luce di questi aspetti tra noi e l’arma c’è veramente un grande rispetto che si consolida nel tempo.

 

  • Dunque, oggi consegniamo ai carabinieri un edificio di ultima generazione con tutti i comfort necessari agli addetti ai lavori comprese le caratteristiche richieste dal comando generale dell’arma mediante gli uomini dell’ufficio tecnico del comando di Caserta.

 

  • Da un vecchio rudere caduto a pezzi (ex casa forestale) abbiamo fatto si che nascesse un presidio di legalità, sicurezza e salvaguardia del territorio.

 

  • La storia siamo noi …, nessuno si senta offeso, nessuno si senta escluso … la storia siamo noi quando la concretezza spazza via l’oblio … quando i nostri sguardi incrociano quelli della gente che come ci ricorda Francesco De Gregori … nonostante tutto .. alla fina … sa sempre cosa fare …

 

Grazie Sindaco, grazie colleghi e grazie al comandante della stazione dei carabinieri di Pietramelara e a tutte le persone presenti…

 

Evviva i Carabinieri, evviva l’Italia!

 

Nota a cura di Giovanni De Robbio

Guarda anche

Santa Maria Capua Vetere – Ponte “aereo” per fornire droga e cellulari ai detenuti: arrestati in due

Santa Maria Capua Vetere – Nella serata di ieri, personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso …