Ultim'ora
FOTO DI REPERTORIO

Roccamonfina / Mondragone / Cellole / Sessa Aurunca – Spaccio di droga, un mese di tempo per riflettere su rinunce e concordati

Roccamonfina / Mondragone / Cellole / Sessa Aurunca – L’udienza prevista per lo scorso 3 giugno 2024 non è stata utile all’economia del processo. Una serie di questioni tecniche hanno determinato il rinvio dell’udienza al prossimo mese di luglio quando i difensori degli imputati dovranno sciogliere la riserva su eventuali rinunce al riesame oppure presentare domanda di concordato sulla pena. Il processo di appello è a carico di un gruppo criminale riconosciuto colpevole, con sentenza di primo grado, di gestire una piazza di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli imputati hanno fatto ricorso in appello nel tentativo di ribaltare le pesanti condanne subite in primo grado: I giudici inflissero:

13 anni e 7 mesi Gennaro Cascarino,
14 anni  Valentino Fiorillo,
4 anni e 5 mesi Angelo Basciotti,
7 anni e 8 mesi Antonio Bova,
6 anni e 8 mesi Emilio Fiorillo,
4 anni e 9 mesi Salvatore Gallo,
6 anni e 8 mesi Antonio Invito,
4 anni e 6 mesi Alessandro Pulcrano,
4 anni e 5 mesi Giuseppe Sanfelice,
9 anni e 5 mesi Luciano Santoro.

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati  Luca Monaco, Gaetano Laiso, Luigi Mordacchini, Goffredo Grasso, Ferdinando Letizia, Antonio Miraglia, Ciro Maiorano, Giovanni Abet, Edmondo Caterino. Secondo l’accusa gli imputati promotori dell’associazione sarebbero stati Gennaro Cascarino e Valentino Fiorillo con il compito di dirigere i partecipi nelle attività di spaccio al dettaglio di hashish, marijuana, cocaina e crack. Non solo lo spaccio. Quello che avevano intenzione di creare gli indagati era un vero e proprio monopolio e chi non acquistava droga da loro veniva minacciato. Accadde ad una donna straniera, che si serviva di cocaina dal gruppo. “Tu vieni sempre da me perché se ti vedo andare là ti spezzo”, le avrebbe detto uno degli indagati aggiungendo poi “parlo pure con tuo marito e gli dico che sei una drogata…ti faccio spezzare le ossa da tuo marito”. L’indagine condotta dai Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sessa Aurunca – guidati dal capitano Russo – si concretizzò nell’ottobre del 2022,  e si sviluppò  nelle province di Caserta, Napoli, Alessandria e Varese e diedero esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 14 persone (8 in carcere, 4 agli arresti domiciliari e 2 all’obbligo di presentazione alla p.g.), gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

Guarda anche

Sessa Aurunca – Roghi nell’area parco: individuati e denunciati

Sessa Aurunca – Fermati e sanzionati due uomini intenti a bruciare materiale vegetale nel Parco …