Ultim'ora

TEANO – Pina Picierno: “Mafia: Governo faccia della legalità una priorità contro la crisi”.

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

TEANO – Pina Picierno: “Mafia: Governo faccia della legalità una priorità contro la crisi”. “L’indagine contro la ‘ndrangheta che ieri ha condotto all’arresto di esponenti politici, della magistratura e delle forze dell’ordine, deve porre seriamente la questione su cosa stia diventando il fenomeno mafioso nel nostro Paese. Mafia Spa, con i suoi 135 miliardi di fatturato, è la prima azienda del Paese. E la corruzione toglie tra i 50 e i 60 miliardi annuali al nostro bilancio, più di un’intera manovra finanziaria.”  Lo ha detto la parlamentare PD Pina Picierno che ha poi continuato “ Non è più possibile negare la presenza massiccia delle organizzazioni criminali anche al Nord, né pensare che sia possibile eliminarle semplicemente con la repressione, le indagini, le retate. E’ necessario assumere una volta per sempre che corruzione, illegalità e criminalità organizzata in Italia sono fenomeni che si danno la mano, che si alimentano a vicenda, in un perverso spreco di risorse e opportunità che non è più sostenibile. Chiediamo al Presidente Monti e al Ministro Cancellieri, ad assumere sì come priorità assoluta la battaglia contro le mafie e la corruzione, ma considerarla anche come punto essenziale di una strategia anticrisi.”

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Castel Volturno – Municipio, il Sindaco Petrella si dimette: “Non ci sono le condizioni”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Castel Volturno – Il sindaco di Castel Volturno, Luigi Petrella, ha annunciato di lasciare la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.