Ultim'ora
Fabrizio Zarone, capogruppo SiAmo Teano

 Teano – Il Comune come una casa di vetro opaco. Ma minoranza punta l’indice contro Scoglio

Teano – “La nuova amministrazione dopo aver suscitato forti polemiche per aver registrato tra i primissimi atti l’emissione di numerose e cospicue determinazioni di pagamento in favore di società facente capo ad un proprio noto sostenitore elettorale, dopo la nomina di ben due assessori esterni (evidentemente orientata da forti sponsor elettorali), dopo la nomina di un segretario generale che, al di là delle indiscusse capacità professionali, ha comunque svolto un forte ruolo di sostegno nella campagna elettorale; ha visto affidare i lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche ed i lavori per l’efficientamento energetico di un  edificio scolastico ad un’unica ditta presente sulla piattaforma che appare riconducibile per legami familiari a qualche assessore.  Orbene, se anche suona strano ciò che si legge nella relativa delibera del R.U.P., ossia che detta ditta sarebbe stata l’unica presente sulla piattaforma e pur restando tutto ciò nei limiti della legalità, quanto detto avrebbe dovuto far scattare nelle antenne di qualcuno l’allarme dell’inopportunità. Una generale mancanza di trasparenza sembra stare alla base degli atti dell’Ente, cui non sembra essere estraneo il malfunzionamento del sito internet del Comune: impossibilità o, comunque, grossa difficoltà, nel reperire atti, determinazioni di pagamento pubblicate ed eliminate nell’arco della stessa giornata (magari dopo la pubblicazione di qualche articolo di stampa), determinazioni pubblicate a distanza di mesi e mesi dall’esecuzione dei lavori cui si riferiscono. La società che gestisce detto sito, invece di essere fatta oggetto di contestazioni circa tal malfunzionamento, viene addirittura premiata con l’affidamento di un nuovo incarico: la lettura dei contatori idrici! Incarico di cui, tra l’altro, non si avvertiva l’esigenza, vista l’alternativa lasciata ai cittadini, anzi addirittura sollecitata dall’Ente, di eseguire l’autolettura dei contatori idrici. Non si comprende, allora, che senso ha consentire ai cittadini di eseguire l’autolettura dei contatori idrici, quando poi si decide comunque di spendere la somma di € 7.500,00 (che non sono pochi per delle casse tanto disastrate quanto quelle del nostro Comune) per farli leggere a una ditta che proprio non ha dato buona prova di sé. E che dire, poi, delle scuole, come quella di San Marco, che vengono chiuse senza spiegarne il perché? In assenza di qualsivoglia provvedimento formale e cercando di addossarne la responsabilità all’autorità scolastica. Eravamo consapevoli del fatto che svolgere il ruolo dell’opposizione non fosse facile, ma non ci aspettavamo che si lasciassero trascorrere mesi senza convocare il consiglio comunale, pur essendoci numerose interrogazioni cui evidentemente non si sa come rispondere. Né migliore sorte hanno le richieste di accesso agli atti, essendoci visti costretti, di fronte a tali gravi inerzie, a ricorrere a formali diffide, rimaste inevase le quali nei termini di legge, non ci resterà che ricorrere alla Procura della Repubblica. Che dire, infine, del mistero dei misteri: Rio Persico! La nuova amministrazione è sorda al grido di dolore che si solleva dai cittadini, taluni dei quali si sono spinti a rimuovere le ostruzioni pur di consentire il transito dei veicoli. Era la fine di agosto quando l’assessore al ramo rassicurava circa l’imminente avvio dei lavori, lavori che ad oltre tre mesi nemmeno hanno visto la luce. Insomma la trasparenza non sembra in cima ai pensieri dell’amministrazione SCOGLIO, sebbene annoveri tra le sue fila un delegato alla trasparenza”. (nota a cura del gruppo consiliare SiAmo Teano)

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *