Ultim'ora
foto di repertorio

Cellole / Francolise – Accusato falsamente di stalking, allenatore di Volley denuncia la finta vittima

Cellole / Francolise – Per una donna – Lippiello Franca, 55enne di Francolise – la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, ha chiesto il rinvio a giudizio per aver calunniato Federico Fascitiello, di Cellole, accusato ingiustamente di aver perseguitato e stalkerizzato la donna, collega di lavoro. La donna, difesa dall’Avv. Torella, è infatti accusata di calunnia e falsa testimonianza perché mediante denuncia falsamente attribuiva a Fascitiello una condotta stalkerizzante nei suoi confronti e per aver falsamente affermato nel corso dell’udienza in cui veniva sentita, innanzi al Giudice Monocratico Auriemma quale teste e persona offesa, che le foto che la ritraevano in momenti intimi acquisite quali prove fossero state scattate da Federico Fascitiello senza il proprio consenso, nonché di essere stata oggetto di un sequestro per 5 ore da parte del Fascitiello all’interno del nosocomio. Quest’ultimo, difeso dall’avvocato Lorenzo Montecuollo, per queste ingiuste accuse già veniva ritenuto innocente e mandato assolto dal Giudice perché il fatto non sussiste; assoluzione sia per lo stalking, sia per il reato di interferenza illecita nella vita privata altrui. A seguito di ciò, l’uomo presentava una copiosa querela presso la Procura ove venivano censurate e denunciate le diverse falsità propinate dalla persona offesa e già stigmatizzate pesantemente dallo stesso Giudice Monocratico in sentenza, che l’aveva ritenuta inattendibile alla luce delle incredibili circostanze che venivano riferite dalla presunta vittima, che a parere del Giudice ha reso dichiarazioni inverosimili, incoerenti, contraddittorie” In quel processo un video prodotto dalla difesa dell’imputato inchiodava la Lippiello alla sue responsabilità circa le false accuse atteso che dallo stesso era palese e marchiano il consenso che la stessa prestava alle foto intime. Il Giudice infatti avallando la tesi della difesa chiosa in sentenza: “… emerge in modo inequivocabile che la Lippiello è assolutamente consapevole e consenziente a farsi immortalare, tanto che i due dopo rivedono e commentano le foto. Parimenti molti testi smentivano categoricamente il presunto sequestro ad opera del Fascitiello ai danni della Lippiello per circa 5 ore avvenuto nell’ospedale di Sessa Aurunca (sul punto il Giudice chiosa che il racconto della vittima appare inverosimile) nonché appariva risibile la dichiarazione della donna resa in dibattimento alla domanda della difesa circa il fatto che si concedeva sessualmente solo per tenere calmo il presunto stalker.  Una storia di falso stalking insomma che vede come vera vittima un uomo additato per anni ingiustamente come un persecutore e stalker. Di questa vicenda se ne occuperà il Giudice per l’Udienza Preliminare, Mercone, nell’udienza fissata per il prossimo 19 gennaio 2023, giorno della prima udienza preliminare. Le parti però saranno invertite rispetto al precedente processo e l’uomo potrà costituirsi parte civile per richiedere la condanna e il risarcimento dei danni morali ed esistenziali derivati dai fatti di calunnia e falsa testimonianza.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *