Ultim'ora

Riardo / Teano / Pietramelara – Omicidio Compagnone,  nessuna impronta sulla cartuccia

Riardo / Teano / Pietramelara – Incominciano ad arrivare le prime relazione dei periti in merito alle indagini nate dall’omicidio di Francesca Compagnone, avvenuto la notte dello scorso 26 ottobre 2022. Non ha dato alcun risultato la ricerca, da parte degli esperti dei Carabinieri, di impronte digitali sul bossolo del colpo che uccise la giovane riardese. Almeno da questa ricerca non si potrà capire chi materialmente ha inserito la cartuccia nel fucile, se il padre (come dice Vicol) quindi se la cartuccia era già inserita nell’arma; oppure se è stata messa dallo stesso 23enne. L’assenza di impronte sulle cartucce di quel tipo (un calibro 12 da caccia) è abbastanza frequente e deriva proprio dalla conformazione della stessa cartuccia che spesso ha una superficie rigata. Gli investigatori, tuttavia, non disperano e confidano negli esami legali sulle tracce biologiche che l’indagato avrebbe potuto lasciare sull’arma e sulle stesse cartucce.
Nella camera da letto, quella della villetta nella periferia di Riardo dove si consumò il delitto, Vicol Ciprian trovò tre fucili riposti nella custodia, appoggiati a terra. Il 23enne originario della Moldavia, prese un primo fucile, lo tirò fuori dalla custodia, lo osservò, lo maneggiò e poi lo ripose. Con questa arma non simulò di sparare. Subito dopo Vicol estrasse dal fodero un’altra arma, un semiautomatico calibro 12, che probabilmente attrasse maggiormente il 23enne che iniziò a maneggiarlo. Come lui stesso racconta toccò almeno due volte il grilletto dell’arma e la leva di caricamento. Al terzo tentativo partì il colpo mortale che colpì Francesca Compagnone alla guancia sinistra uccidendola sul colpo. Un colpo esploso a meno di 50 centimetri di distanza. Si trattò veramente di un tragico gioco, di una tragica fatalità, come sostiene l’indagato?  La cartuccia era presente all’interno del serbatoio come lo stesso Vicol sostiene? Potrebbe averla messa lui all’interno? Chi ha rimosso il sistema di sicurezza dal fucile?  Possibile che il padre di Francesca nel trasportare i fucili da Teano a Riardo non si sia accertato che fossero completamenti scarichi e bloccati con la sicura?
Tutte domande le cui risposte saranno fondamentali per il futuro processuale dell’intera vicenda; risposte che ben presto i periti potrebbero fornire ai pubblici ministeri Fiore e Camerlingo che conducono le indagini sul caso.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *