Ultim'ora
comune di Piedimonte Matese

Piedimonte Matese – Comune, “tragedia” riscossione tributi: i giudici annullano i contratti con Aerarium e Pubblialifana

Piedimonte Matese – Duro colpo inferto dai giudici del Tribunale Amministrativo di Napoli, alla macchina amministrativa del comune del capoluogo Matesino. E’ stato accolto il ricorso presentato dalla società Studi e Servizi alle Imprese Srl che chiedeva per l’annullamento della Determinazione del Responsabile del Settore Finanziario Tributi Personale e Attività Produttive del Comune di Piedimonte Matese n. 169 del 22.03.2022, avente ad oggetto l’affidamento dei servizi di € 139.000,000 in favore Aerarium P.A. S.r.l. per “Servizio di supporto alla gestione dei tributi comunali. La società ricorrente ha prodotto ricorso anche per l’annullamento degli atti con cui è stato affidato medesimo servizio, sempre per 139.000 euro, alla Pubblialifana. I giudici partenopei hanno accolto la tesi della SSI srl che accusava il municipio di Piedimonte Matese di aver affidato la medesima attività da lei prima svolta a seguito dell’espletamento di una gara a due operatori economici individuati senza alcun confronto concorrenziale dopo aver artificiosamente frazionato il servizio e sottostimato l’importo contrattuale. Alla fine il TAR accoglie il ricorso e i successivi motivi aggiunti e, per l’effetto annulla gli atti impugnati; dichiara l’inefficacia del contratto medio tempore stipulato; condanna il Comune di Piedimonte Matese al pagamento in favore della parte ricorrente delle spese del presente giudizio, che liquida in complessivi € 3.000.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *