Ultim'ora

Dragoni – Biometano, il comune pronto ad abbattere i capannoni di Pendolino

Dragoni – L’amministrazione comunale dragonese, guidata dal sindaco Antonella D’Aloia, starebbe per firmare l’ordinanza di abbattimento di alcune strutture presenti nell’area destinata al progetto dell’impianto Biometano. La decisione sarebbe maturata dopo il sopralluogo effettuato oltre un mese fa proprio per verificare le strutture esistenti e le relative concessioni edilizie. Secondo alcune indiscrezioni proveniente dalla casa comunale, sarebbe emersa una sostanziale carenza di autorizzazioni per alcune strutture. A questo punto al tecnico comunale non resterebbe altro che emettere ordine di abbattimento e ripristino dei luoghi.
Si sta concretizzando, quindi, lo scenario da noi ipotizzato qualche mese fa quando descrivemmo esattamente  le linee lungo cui l’amministrazione comunale stava sviluppando l’azione di contrasto al progetto Biometano. Dicemmo che il “bersaglio” sembrava essere proprio l’imprenditore, Raffaele Pendolino (storico amico della famiglia del sindaco D’Aloia), titolare dei terreni e socio di maggioranza dell’azienda proponente il progetto. La battaglia che sta per innestarsi sarebbe basata principalmente su una “arma” letale: presunti abusi edilizi su alcune strutture già esistenti sull’area dove dovrebbe sorgere il progetto biometano. Se dovessero arrivare riscontri a tale ipotesi, allora il progetto cadrebbe e per Pendolino inizierebbero problemi seri: dovrebbe sanare gli abusi, se sanabili. In caso contrario non avrà scampo: abbattimento oppure acquisizione da parte del comune. E potrebbe finire così una lunga amicizia.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

un commento

  1. Mi auguro che lo stesso trattamento fatto al sig.Pendolino venga attuato ai tanti abusi che ci sono a Dragoni e operano non rispettando neanche le norme di sicurezza,e che sono ben noti a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *