Ultim'ora

CASERTA – Crisi del lavoro, chiude l’AZ Surgelati. A casa 157 dipendenti, la maggioranza sono donne

CASERTA – Chiude l’azienda AZ Surgelati, una delle più importanti in Italia per la produzioni delle pizze surgelate. E’ stato siglato ieri l’accordo fra la proprietà e le organizzazioni sindacali, un accordo che approva la messa in mobilità di 157 dipendenti (fra operai e impiegati); la maggior parte sono donne. In base alla normativa vigente, è stata concordata la messa in cassa integrazione in deroga fino al prossimo trentuno dicembre 2013, successivamente la definitiva messa in mobilità per tutti i lavoratori. “Resta il rammarico  – precisa Gaetano Laurenza, segretario generale della Uila di Caserta – per non essere riusciti a dare continuità produttiva all’impresa. Eppure, continua Laurenza, le condizioni c’erano tutte; c’era soprattutto la disponibilità, da parte della Roncadin spa, di rilevare l’azienda e di garantire l’assunzione della maggior parte della forza lavora (circa 120 dipendenti su 157). Purtroppo – conclude Laurenza – non siamo riusciti a convincere le maestranze della bontà dell’accordo. L’auspicio per il futuro è che altri imprenditori possano essere interessanti alla riapertura dell’Az Surgelati”.   La Roncadin Spa, lo scorso 15 aprile, ha presentato offerta di affitto d’azienda con impegno unilaterale all’acquisto della stessa, in seguito ad articolate trattative con la proprietà di AZ Surgelati.   Roncadin SpA riteneva di aver coinvolto, sin dalle prime fasi delle trattative, tutti i soggetti interessati con atteggiamenti costruttivi nella ferma volontà e convinzione di poter contribuire a rilanciare e sviluppare una realtà produttiva ancora fertile, che vanta tradizioni e competenze significative. Purtroppo le maestranze bocciarono l’accordo e la chiusura dell’AZ Surgelati  è stata inevitabile.  Nel 2012 In Provincia di Caserta hanno chiuso, in media 16 aziende al giorno, mentre nel primo bimestre del 2013 il dato si fa ancora più preoccupante in quanto il numero di aziende che quotidianamente abbassa le serrande sale a 33 unità.  Le piccole e medie imprese rappresentano la spina dorsale dell’economia dello stato italiano, fermare questo motore, dunque, vuol dire fermare l’Italia.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Vairano Patenora / Cassino – Circolazione ferroviaria, riattivata la linea Vairano-Cassino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.