Ultim'ora

Piedimonte Matese – Tragedia sul lavoro, gli amici chiedono “Giustizia per Paolo”. Due imprenditori indagati

Piedimonte Matese – “Giustizia per Paolo” è la scritta sullo striscione affisso nei pressi della Villa Comunale a Piedimonte Matese. Sarebbero stati alcuni amici e parenti della giovane vittima ad affiggere lo striscione con cui  si chiede chiarezza sulla morte dell’operaio.
Due imprenditori del capoluogo matesino (versante casertano) sono indagati per la tragica morte di Paolo Altobelli, l’operaio precipitato da un capannone sul quale stava lavorando. L’acume investigativo dei carabinieri della locale stazione ha permesso di capire la verità di fatti. Sono indagati Luigi Cozzone e Domenico Del Monaco. Il primo in qualità di committente dei lavori, il secondo in qualità di datore di lavoro di fatto della vittima. Secondo l’accusa Paolo Altobelli, lo scorso 20 giugno 2022, alle dipendenze della ditta DEL MONACO stava eseguendo alcuni lavori di carpenteria su una struttura dell’attività gestita da Cozzoni che, quindi, aveva commissionato i lavori. Purtroppo, mentre era sulla copertura del capannone, probabilmente per il cedimento di una lamiera, cadde battendo violentemente il capo. Le gravissime lesioni subite, pochi giorni dopo, determinarono la morte del 40enne che si trovava ricoverato presso l’ospedale di Piedimonte Matese.

Leggi anche:

Piedimonte Matese – Paolo è morto sul lavoro: caduto dal capannone dell’azienda. Poi la messa in scena dell’investimento

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *